HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI

L'amministratore di condominio

Area legale: Condominio
Avvocato Accanto

Chi è l’amministratore di condominio?

E’ l’organo esecutivo del condominio, che cura l’amministrazione dei beni e dei servizi comuni ed è legato al condominio da un vincolo di mandato. Si tratta di una figura con funzioni esecutive rispetto alle decisioni che vengono assunte dall’assemblea dei condomini e riveste, oltre ad una specifica serie di compiti attribuitigli dalla legge, il compito di rappresentante legale del condominio.

Può essere nominato quale amministratore di condominio sia una persona fisica che una società di persone o di capitali.

In ogni caso la legge prescrive una serie di requisiti che l’amministratore-persona fisica deve possedere.

E' obbligatorio nominare un amministratore?

Il condominio deve dotarsi di un amministratore quando sono presenti almeno nove condomini, vale a dire nove proprietari senza che rilevi il numero delle unità immobiliari.

Ad esempio: se vi sono venti unità immobiliari e solo due o tre proprietari, la nomina di amministratore non è obbligatoria.

Tuttavia i condomini, anche se inferiori a nove, possono decidere volontariamente di avere un amministratore.

Quanto dura in carica l’amministratore?

L’amministratore di condominio dura in carica 1 anno (dal 1 gennaio al 31 dicembre). Se viene riconfermato la durata dell’incarico è sempre limitata all’anno civile, cioè, indipendentemente dalla data di nomina o di riconferma l’amministratore termina il suo incarico il 31 dicembre.

Dopo la scadenza deve convocare l’assemblea per il rinnovo della carica o per la nomina di un nuovo amministratore.

L’amministratore condominiale può essere revocato?

La revoca dell’amministratore di condominio può essere deliberata in ogni momento dall’assemblea con la maggioranza prevista (maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio) per la sua nomina oppure con le modalità previste dal regolamento di condominio. Ciò significa che, durante lo svolgimento dell’incarico, in qualsiasi momento e senza dover addurre alcuna motivazione, l’assemblea, nel rispetto delle maggioranze previste per la nomina, può revocare l’amministratore.

In tal caso l’amministratore avrà diritto esclusivamente al compenso per l’opera effettivamente svolta senza poter pretendere null’altro.

 

(il presente contenuto costituisce esclusivamente un’informativa di massima, che non ha pretese di esaustività, e che in ogni caso non sostituisce l’intervento e la consulenza di un avvocato)

Articoli collegati

Cos'è il condominio
Leggi >
Quali sono le parti comuni del condominio
Leggi >
L'assemblea di condominio
Leggi >

Come funziona

Scegli quello che ti serve

Scegli il servizio legale che ti serve selezionando l'icona corrispondente e segui le istruzioni per confermare l'invio della richiesta

Ricevi quello che hai chiesto

Ricevi il servizio legale che hai richiesto da parte di un nostro avvocato

Effettua il pagamento

Solo dopo aver ricevuto il servizio legale che hai chiesto effettua il pagamento

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280