HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI

Tipi di contratti telematici (B2B, B2C, etcc.)

Area legale: E-commerce
Avvocato Accanto

 

Vi sono, poi, diverse tipologie di contratti telematici. In base alle parti coinvolte si distinguono in:

 

  • B2B (ossia business to business): le transazioni tra imprese o tra professionisti (ad esempio il rapporto tra il fornitore e le imprese). Le transazioni elettroniche consentono in questo caso alle aziende di mantenere un canale di comunicazione più agevole ed efficiente (ad esempio negli ordini, nei pagamenti on line e nell’invio delle fatture) con i soggetti con cui si sono instaurate relazioni commerciali stabili. Viene utilizzato per l’acquisto di prodotti e servizi che vengono utilizzati direttamente in azienda quali: materiali grezzi, componenti, prodotti intermedi.
  • B2C (ossia business to consumer): le transazioni commerciali di beni e servizi tra imprese e consumatori. I prodotti sono offerti a tutti coloro che accedono alla rete internet con conseguente accesso, per il venditore, ad un vastissimo numero di potenziali clienti; possibilita?, per le imprese, di un contatto diretto con i clienti; riduzione dei costi di intermediazione.
  • C2C (ossia consumer to consumer): le transazioni realizzate direttamente tra privati consumatori che interagiscono tra di loro per concludere transazioni.
  • C2B (ossia consumer to business): i consumatori stabiliscono il prezzo che sono disposti a pagare per un prodotto o servizio e le aziende sono libere di accettare o rifiutare l’offerta.
  • Intra business: è il caso che coinvolge un’impresa con sedi distribuite sul territorio o un’insieme di imprese dello stesso gruppo. Il gruppo di soggetti è rigorosamente chiuso.
  • B2A (ossia business to administration): le transazioni che avvengono in rete tra le pubbliche amministrazioni, i cittadini e le imprese, come la possibilità di pagare le imposte per via telematica.

 

Come osservato sopra, il contratto telematico è regolato, oltre che dalle norme sui contratti stabilite dal Codice Civile, specificatamente dalla normativa ad hoc sul commercio elettronico, anche se ad oggi il quadro normativo è incompleto  e non consente di regolare tutti gli aspetti delle attività on-line. Inoltre, quando è coinvolto un consumatore si applicheranno anche le norme predisposte per la sua tutela.

 

La disciplina del commercio elettronico non si applica tuttavia:

 

  • ai contratti che istituiscono o trasferiscono diritti relativi a beni immobili, diversi da quelli in materia di locazione;
  • ai contratti che richiedono per legge l’intervento di organi giurisdizionali, pubblici poteri o professioni che implicano l’esercizio di pubblici poteri;
  • ai contratti di fideiussione o di garanzie prestate da persone che agiscono ai fini che esulano dalle loro attività commerciali, imprenditoriali o professionali;
  • ai contratti disciplinati dal diritto di famiglia o di successione.

Articoli collegati

Alcune indicazioni generali sull'E-commerce
Leggi >
Sito Internet: Autorizzazioni
Leggi >
Sito Internet: il Nome di Dominio
Leggi >

Come funziona

Scegli quello che ti serve

Scegli il servizio legale che ti serve selezionando l'icona corrispondente e segui le istruzioni per confermare l'invio della richiesta

Ricevi quello che hai chiesto

Ricevi il servizio legale che hai richiesto da parte di un nostro avvocato

Effettua il pagamento

Solo dopo aver ricevuto il servizio legale che hai chiesto effettua il pagamento

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280