HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
L'amministratore giudiziario quanto resta in carica?
Condominio | (21/07/2018)
il 15 gennaio l'assemblea condominiale non è riuscita a rinnovare l'amministratore per mancanza del quorum. due condomini hanno quindi ottenuto dal tribunale una sentenza di nomina di un nuovo amministratore il 18/05. a fine giugno il vecchio amministratore ha comunque inviato a tutti i condomini la convocazione di un'assemblea straordinaria per il 12/07 con due punti all'odg: 1-revoca mandato a amministratore nominato dal tribunale 2-nomina nuovo amministratore. il "nuovo" amm.re ha formalmente diffidato il "vecchio" e i condomini avvisando che l'assemblea risulterebbe nulla. l'assemblea così è validamente costituita e può deliberare? che rischi si corrono a partecipare e a deliberare? graze
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 21/07/2018

Occorre premettere che l'amministratore giudiziario può essere revocato in ogni momento proprio a seguito di nomina di nuovo amministratore "di fiducia" da parte della compagine condominiale. In sostanza, l'amministratore giudiziario interviene quando la compagine condominiale non riesce a trovare la maggioranza necessaria per la nomina.

Ma quando il condominio, a seguito di apposita delibera, riesce a nominare un amministratore "di fiducia" con le maggioranze prescritte dalla legge, interviene la revoca dell'amministratore giudiziario.

A dimostrazione di quanto sopra si evidenzia che la nomina dell'amministratore giudiziario da parte del Tribuinale competente non fissa una durata dell'incarico (come, invece, avviene per la regolare nomina di amministratore da parte dell'assemblea).

 

Fatta questa doverosa premessa, ciò che potrebbe rendere nulla e/o annullabile l'assemblea indetta dal vecchio amministratore è proprio derivante dal soggetto che l'ha indetta. In sostanza, dal momento in cui è stato nominato l'amministratore giudiziario, il vecchio amministratore ha perso ogni carica e potere, quindi anche il potere di indire un'assemblea (che può essere indetta solo dal nuovo amministratore oppure dai condomini, nei termini di legge). Di conseguenza, un'assemblea indetta da un soggetto che non è nè l'amministratore nè un condomino potrebbe presentare profili di nullità e/o annullabilità.

Partecipare a una assemblea del genere non fa correre alcun rischio, semplicemente potrebbe essere inutile in quanto il nuovo amministratore potrebbe validamente contestarne la regolarità.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280