HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Il mio vicino vuole ottenere il permesso di passo carrabile. Posso oppormi?
Condominio | (21/10/2020)

Buonasera, vi volevo chiedere se era possibile o c'è una legge che può evitare che un suolo pubblico possa essere concesso dal Comune al singolo privato solo perchè lui è in possesso di un garage. Mi spiego meglio, un nostro vicino ha acquistato un garage dove non ha la possibilità di metterci la sua auto all'interno e pretende che l'intero suolo, anche quello oltre allo spazio del suo garage, diventi tutto suo vietando di parcheggiare a chiunque si trovi con la macchina, visto che è un suolo dove siamo diversi residenti e chiunque si trovi può tranquillamente parcheggiare una macchina lasciando ampiamente lo spazio al propietario del garage di accedere. In breve, anche con una macchina nostra parcheggiata lì c'è lo spazio interamente libero davanti al suo garage. Come possiamo tutelarci,vi ringrazio e vi saluto.

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Serena Mineo
Risposta del 21/10/2020

Per poter rispondere al Suo quesito è necessario procedere con alcune distinzioni.

Se il garage acquistato dal vicino si trova all'interno di un contesto condominiale si deve, in primo luogo, controllare il regolamento condominiale che, generalmente, disciplina l'uso degli spazi comuni, inclusi quelli antistanti i garage

Se il garage è destinato al ricovero di auto, gli altri condomini devono sempre garantire al proprietario di poter accedere con la propria auto. Emerge dal Suo quesito che questa possibilità è già garantita dal comportamento di tutto il vicinato.

Se, invece, il garage è in realtà un locale dove non è possibile entrare con l'auto, allora è dovere dei condomini lasciare sufficiente spazio affinchè sia garantito l'accesso pedonale. Sempreché il parcheggio in quell'area comune non sia vietato dal regolamento condominiale.

Diverso è il caso in cui il garage abbia accesso da una strada pubblica.

In tal caso, il proprietario del garage, con molta probabilità, si rivolgerà al Comune per chiedere il rilascio di un permesso di passo carrabile.

Il permesso di passo carrabile non potrà essere concesso se reca ostacolo alla circolazione e, comunque, è subordinato alla verifica della sussistenza di precise e tassative condizioni oggettive, in primo luogo, la sussistenza di una correlata area di parcheggio veicoli (Consiglio di Stato, sez. I, 18/03/2016, n. 743). Pertanto, se il garage in questione non è idoneo al parcheggio di veicoli, il proprietario non potrà ottenere il passo carrabile. 

Se, invece, il permesso di passo carrabile è concesso, si costituisce una servitù di passaggio su quella porzione di via pubblica. La conseguenza, notoriamente, è che nessun automobilista potrà posteggiare la propria auto innanzi al passo carrabile regolarmente ottenuto e ciò vale anche per il proprietario del garage, titolare del permesso di passo carrabile.

L'altra ipotesi, invero meno probabile, è che il proprietario del garage richieda al Comune la concessione di occupazione di suolo pubblico. In tal caso, secondo i principi sanciti nella l. 241/1990 (che regola il procedimento amministrativo) dovrà essere il Comune a valutare i contrapposti interessi. Da un lato, l'interesse del privato che richiede la concessione di suolo pubblico, che deve, comunque, essere meritevole di tutela (ad esempio, non può ridursi ad una mera comodità nell'uso del proprio garage); dall'altro lato, il contrapposto interesse generale (ad esempio, la concessione di suolo pubblico non deve finire con l'intralciare il transito di pedoni e/o veicoli). 

Infatti, la concessione di suolo pubblico esige, sempre e comunque, una decisione ponderata in ordine al bilanciamento dell'interesse pubblico con quelli privati eventualmente confliggenti, di cui dare conto nella motivazione del provvedimento amministrativo (T.A.R. , Roma , sez. II, 25/07/2017, n. 8934; T.A.R., Roma, sez. II, 08/07/2016, n. 7858). 

Nella valutazione discrezionale della Pubblica Amministrazione, il vicinato e/o i condomini possono essere considerati soggetti controinteressati. Pertanto, è facoltà del Comune (tuttavia, non sussiste un preciso dovere in tal senso) acquisire il parere di tali soggetti, prima di procedere con la concessione (o meno) di suolo pubblico (T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, sent. n. 113 del 18/01/2011). 

Infine, deve precisarsi che, prima del provvedimento di concessione di suolo pubblico, da parte del vicinato non è possibile opporsi. Solo dopo l'emanazione del provvedimento che concede il suolo pubblico, delimitando e definendo l'area interessata, sarà possibile impugnare il provvedimento innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale competente. 

* * * 

Concludendo e rispondendo al Suo quesito, se il garage acquistato dal Suo vicino si trova all'interno di un'area condominiale è bene leggere il regolamento condominiale che, quasi certamente, ha previsto e disciplinato l'uso degli spazi comuni antistanti i garage condominiali. Eventualmente, potrà rivolgersi all'amministratore chiedendo di convocare un'assemblea condominiale.

Se, invece, il garage acquistato dal Suo vicino non è inserito in un contesto condominiale, ma si tratta di garage con accesso dalla pubblica via, non è possibile per Lei impedire al Suo vicino di formulare richiesta al Comune, per ottenere il passo carrabile o la concessione di suolo pubblico.

Tuttavia, dal Suo quesito emerge che il garage acquistato dal Suo vicino non sia adatto ad introdurvi l'auto. Pertanto, il Comune non dovrebbe concedere né il permesso di passo carrabile, nè l'occupazione di suolo pubblico

In ogni caso, se il Suo vicino dovesse ottenere il permesso di passo carrabile, o la concessione di suolo pubblico, Le sarà possibile, con l'assistenza di un legale, impugnare il provvedimento del Comune ed opporvisi.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280