HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
regolamento condominiale contrattuale. Efficacia nei confronti di tutti i condomini?
Condominio | (04/10/2018)
Il nostro condominio adotta un regolamento redatto dal costruttore e sottoscritto da tutti i condomini in sede di acquisto di ciascun immobile. Ora si è presentato un problema sulla ripartizione delle spese di riparazione delle terrazze. Il regolamento dispone una ripartizione delle spese in deroga al Codice civile. Purtroppo, almeno un condomino, che tra l'altro è anche firmatario del regolamento, sembra non accettare tali disposizioni, ma vuole che le spese vengano ripartite sulla base di quanto disposto dall'art. 1126 del c.c. DOMANDA: detto regolamento condominiale, nella forma in cui è stato redatto, si può considerare di origine contrattuale anche se non è stato registrato all'Agenzia delle Entrate e quindi obbligare tutti i condomini ad accettarlo?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 04/10/2018

Il regolamento condominiale può essere di due tipi: contrattuale e assembleare.

Il regolamento contrattuale viene redatto dal costruttore dell'edificio e da questi fatto approvare agli acquirenti singolarmente al momento del rogito.Tale regolamento, seppur accettato non nel corso di una assemblea ma in tempi diversi, raggiunge l'unanimità.

Contiene vincoli più pregnanti e forti rispetto a quello approvato a maggioranza ( assemblea).

Il regolamento assembleare è quello approvato in assemblea: è sufficienteil voto favorevole della maggioranza degli intervenuti, a condizione che questi abbiano almeno la metà dei millesimi.

Il regolamento condominiale di origine contrattuale è il più frequente. E' costituito da un insieme di norme che disciplinano la vita del condominio e che vincolano tutti coloro che occupano le unità immobiliari. E' obbligatorio quindi per gli inquilini in affitto, gli usufruttuari e per i successivi acquirenti degli appartamenti.

Il fatto che il regolamento che ci occupa non sia stato registrato all'Agenzia delle Entrate non inficia minimamente l'efficacia dello stesso per quanto riguarda l'applicazione dei principi in esso contenuti.

Ricordiamo che il regolamento condominiale, sia esso di natura contrattuale o assembleare, è soggetto a registrazione solo in caso d'uso, cioè quando deve essere prodotto in atti giudiziari.

Il regolamento del Vostro condominio, redatto dal costruttore è senza alcun dubbio di natura contrattuale, dovrà essere applicato in tutta la sua interezza e fa stato nei confronti di ogni condomino.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280