HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Utilizzo di software scaricato illegalmente. Quali conseguenze legali?
Diritto del Consumatore | (13/12/2020)
Buon giorno, sono un volontario di una associazione, mi piacerebbe pubblicare dei video che però possono essere realizzati solo con un programma specifico a pagamento... essendo io volontario non ho il budget per acquistare la licenza e l'associazione non ha in bilancio soldi per acquistarmi la licenza. Se vado avanti nel mio intento e pubblico il filmato realizzato con un programma senza licenza, chi rischia cosa? Di fatto scaricare (per quanto ne sappia) è "solo" un illecito amministrativo giusto? ...e lo share del video è un illecito o no? Sarebbe reato solo se condividessi il programma senza licenza ...o c'è qualche altro rischio? Spero di essere stato chiaro nei miei dubbi Grazie in anticipo per la risposta Buona giornata e buon lavoro!
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 13/12/2020

L’utilizzo di software protetti da copyright senza le dovute licenze e autorizzazioni è un comportamento che viola la normativa in tema di diritto d’autore.

Questa violazione può avere delle conseguenze sia dal punto di vista amministrativo, sia dal punto di vista penale a seconda dell’attività effettuata.

Nel caso in cui l’utilizzatore svolga attività commerciali o imprenditoriali la sanzione è di tipo penale e consiste sia nella reclusione da sei mesi a tre anni, sia nella multa da 2.582 a 15.403 euro.

Dall’altro lato, nel caso di privati e professionisti (oppure associazioni senza fini di lucro), la violazione comporterà un illecito amministrativo. La norma stabilisce una sanzione pecuniaria di tipo amministrativo pari a 154 euro, la confisca del materiale (come ad esempio il software o il cd o dvd su cui è duplicato), nonché la pubblicazione del provvedimento su un giornale quotidiano a diffusione nazionale.

L’utilizzo del programma scaricato senza licenza per uso personale o da parte di un’associazione senza scopo di lucro, comporta dunque un illecito amministrativo e non un reato.

La mera duplicazione di un software protetto da copyright, sempre in assenza di fini di lucro, comporta sempre un illecito amministrativo. La vendita di un software “pirata” comporta l’integrazione di un reato.

Le segnalo infine che esistono molti programmi gratuiti per editare video che potrebbero costituire un’alternativa, a meno che non debba realizzare un contenuto particolare per cui è indispensabile quel particolare software.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280