HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
La banca viola la privacy. Esiste qualche responsabilità?
Diritto bancario | (13/12/2018)
Buongiorno ho una domanda da porre in merito al rapporto banca cliente. Mesi fa ho rilasciato un assegno (caparra) ad una terza persona, successivamente quest’ultima recandosi presso l’istituto bancario, nonché mio istituto,dal quale l’assegno era stato emesso ha effettuato un bonifico bancario sul mio conto corrente resistuendo tale caparra . C’è da dire che la persona a cui avevo rilasciato l’assegno non era a conoscenza del mio IBAN e che non era presente neanche sull’assegno emesso. In questo caso la banca facendo effettuare il bonifico sulla mio conto corrente ha violato la mia privacy? Era tenuta a farlo? Certa di una vostra risposta porgo distinti saluti.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 13/12/2018

Premesso che oggi è possibile ricavare il codice IBAN tramite internet, collegandosi ad un motore di ricerca ed indicando il nome della banca, con cui il beneficiario del bonifico intrattiene rapporti, la città, ABI e  CAB, tuttavia il segreto bancario non permette a nessun Istituto di Credito di rivelare nome e cognome del correntista e quant'altro, anche nel caso  in cui la banca sia la medesima.

Per  verificare il codice IBAN e l'intestatario di un c/c. bisogna fare richiesta all'Autorità giudiziaria.

Accennando poi al concetto di riservatezza ed a un presunto danno, che la violazione presuppone, la Corte di Cassazione ha più volte ribadito che non è sufficiente, per l'accoglimento dell'istanza risarcitoria, la violazione del diritto di riservatezza.

Il danno non patrimoniale deve essere provato secondo quanto previsto dall'art. 2043 c.c.

Il nostro commento rimane strettamente riferito all'illecito civile e non riguarda pertanto il danno biologico ed i risvolti penali che la violazione della privacy potrebbe comportare.

Nella situazione che ci occupa, nessuna informazione di carattere patrimoniale, strettamente riservata, è stata fornita, da parte del funzionario della banca, ad un soggetto terzo, ma l'impiegato si è limitato a perfezionare una transazione sulla base dei dati già in possesso dell'archivio informatico dell'istituto, evidenziati dal titolo negoziato.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280