HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Quali sono le conseguenze del rapporto di lavoro in caso di cessione d'azienda?
Diritto del lavoro | (26/06/2019)
sono una farmacista e lavoro in una farmacia che sta per essere venduta e quindi tasferisce la titolarieta ad altri. Sono una dipendente a tempo indeterminato di questa farmacia e vorrei sapere quale sarà il mio destino ,,cosa prevede la legge in questi casi? prevede che potrò restare anche con la nuova proprietà o che in automatico avverrà il licenziamento e quindi prendere la disoccupazione? grazie anticipatamente
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Egidio  Rossi
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 26/06/2019

La situazione che ci rappresenta parrebbe rientrare nella fattispecie del trasferimento d'azienda, disciplinata dall'art. 2112 del Codice Civile, a norma del quale "In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano. Il cedente ed il cessionario sono obbligati, in solido, per tutti i crediti che il lavoratore aveva al tempo del trasferimento.....Il cessionario è tenuto ad applicare i trattamenti economici e normativi previsti dai contratti collettivi nazionali, territoriali ed aziendali vigenti alla data del trasferimento, fino alla loro scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti collettivi applicabili all'impresa del cessionario.....Ferma restando la facoltà di esercitare il recesso ai sensi della normativa in materia di licenziamenti, il trasferimento d'azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento. Il lavoratore, le cui condizioni di lavoro subiscono una sostanziale modifica nei tre mesi successivi al trasferimento d'azienda, può rassegnare le proprie dimissioni con gli effetti di cui all'articolo 2119, primo comma".

Come previsto dalla norma citata, pertanto, il Suo rapporto di lavoro dovrebbe proseguire alle stesse condizioni attuali anche presso l'acquirente dell'attività, con assunzione di obblighi dell'acquirente anche per i trattamenti economici a Lei ancora dovuti dal titolare cedente (es: TFR maturato, eventuali retribuzioni arretrate ecc.).

Resta inteso che, in caso di sostanziale modifica delle condizioni di lavoro nei tre mesi successivi al trasferimento (es. demansionamento, grave peggioramento delle condizioni di lavoro), sarà Sua facoltà di presentare le dimissioni per giusta causa, con diritto alla disoccupazione.

 

Avvocato Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280