HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Diritto del lavoro | (15/06/2019)
Salve, Faccio parte di una P. A. E sono un RSPP, siccome in questi giorni nella mia sede si sta espandendo la nevrosi da aggiornamento del corso antincendio rischio medio e so bene cosa dice il dlgs 81 in merito all’aggiornamento obbligatorio, non trovo, però, da nessuna parte (tranne che nella lettera dei VV. F.) la validità del corso per effettuare questo aggiornamento! Mi chiedevo, dunque, se un datore di lavoro può essere condannato nel caso in cui, invece di aggiornare il proprio personale per il suddetto corso alla precisa scadenza dei tre anni, lo facesse dopo 3 anni e mezzo?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Egidio  Rossi
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 15/06/2019

Le confermo che, all'interno del D.Lgs. 81/2008 nell'articolo di riferimento relativo all'obbligo di formazione degli addetti antiincendio designati dal datore di lavoro (art. 37 comma 9), non sono indicati precisi termini attinenti alla tempistica dell'aggiornamento.

A riguardo viene pacificamente considerato come documento di riferimento la circolare del Ministero dell'Interno n. 12653 del 23 febbraio 2011, nella quale viene "suggerita" una cadenza triennale della formazione antiincendio, in quanto parificata alla formazione dell'addetto al primo soccorso.

Tale riferimento, tuttavia, non può essere considerato "fonte normativa", quindi il termine triennale potrà essere considederato come puro parametro di massima nel valutare l'effettiva formazione e aggiornamento del lavoratore, ma non certo un termine perentorio decorso il quale il datore di lavoro incorre in sanzioni.

Resta inteso che, in questo caso come in altre simili disposizioni contenute nel D.Lgs. 81/2008, in caso di evento infortunistico vi sarebbe una valutazione concreta dei fatti, quindi un mancato aggiornamento di 6 mesi rispetto alla scadenza sarebbe considerato ben diversamente da un mancato aggiornamento di un ben più ampio periodo.

Non è escluso, infine, che a breve possano entrare in vigore norme di legge che definiscono in modo preciso le tempistiche dell'aggiornamento.

 

Avvocato Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280