HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Contratto a tempo determinato. Possono licenziarmi prima della scadenza?
Diritto del lavoro | (22/02/2019)
Salve! Ho cominciato a lavorare in una fabbrica di frutta e mi hanno fatto il contratto di un mese. Nella prima settimana la responsabile si comportava bene con ma poi ha cominciato a urlarmi in faccia e insultarmi ogni santo giorno e a causa sua sono entrata anche in depressione. Dopo 3 settimane lei mi ha mandata via. Prima che iniziasse a lavorare la c'era un'altra ragazza che come me l'hanno mandata dopo 3 settimane. Il fatto sta che loro fanno questa catena e non capisco perché. Prendono ragazze e dopo 3 settimane la responsabile le manda via. Il mio contratto scade il 20 dicembre e lei mi ha mandata a casa il 11 dicembre. E a quanto pare non hanno intenzione di pagarmi. La responsabile mi ha distrutta mentalmente ogni giorno piango anche adesso che sto a casa solo il pensiero di pensare alle sue grida e insulti mi metto a piangere. Un avvocato anche quello di CAF mi potrebbe aiutare? Vi prego aiutatemi non c'è la faccio più.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 22/02/2019

La situazione da lei descritta, presenta vari profili problematici.

  • La forma contrattuale. Il contratto a tempo determinato deve essere stipulato per iscritto, deve essere firmato sia dal lavoratore che dal datore di lavoro in data antecedente l’inizio della prestazione di lavoro e una copia deve essere consegnata al lavoratore entro 5 giorni lavorativi;
  • Il termine di scadenza- L’interruzione del rapporto da parte del datore di lavoro prima della scadenza, senza una giusta causa,comporta il diritto del lavoratore al risarcimento del danno pari alla retribuzione fino alla scadenza pattuita (nel suo caso, fino al 20 dicembre);
  • Il diritto alle retribuzioni e alle indennità- il contratto a tempo determinato comporta il diritto il pagamento della retribuzione e delle indennità tipiche del lavoro subordinato.

Nel suo caso, pertanto, ha diritto al pagamento della retribuzione dall’inizio della prestazione e fino all’interruzione del rapporto, all’indennità per lavoro straordinario se ha svolto la prestazione oltre all’orario ordinario che di norma è di 40 ore/settimana per un contratto full-time, alla 13^ e al TFR proporzionati alla durata del contratto nonché ad eventuali altre indennità previste dal CCNL applicabile se menzionato nel contratto di lavoro individuale.

  • I comportanti vessatori – prescindono dalla tipologia del contratto e possono integrare un danno all’integrità psico-fisica del lavoratore e, se di significativa rilevanza o, in altri termini, se prolungati nel tempo e/o determinanti l’insorgenza di una patologia, possono comportare il diritto ad un risarcimento.

E’ possibile aggiungere che, se sussistesse una causa di invalidità del contratto a termine, il rapporto sarebbe da considerare a tempo indeterminato e l’interruzione del rapporto comporterebbe la più grave ipotesi di licenziamento, sanzionato in base alle dimensioni del datore di lavoro (più o meno di 15 dipendenti) e in base alla gravità del vizio.

E’ molto importante considerare che, se in mancanza della copia del contratto di lavoro, la prova dell’aver prestato attività lavorativa, comprese le mansioni svolte e l’orario, è a carico del lavoratore.

Analogamente, è a carico del lavoratore la prova delle condotte aggressive della responsabile, condotte che, se provate, comportano la responsabilità del datore di lavoro che sarà gravato dell’eventuale risarcimento del danno.

Non da ultimo, è bene sottolineare che è essenziale che formalizzi - prima possibilee con una raccomandata a/r- che il rapporto è stato interrotto contro la sua volontà e che pertanto, impugna il recesso del datore di lavoro ed è disponibile a riprendere la prestazione di lavoro.

Riguardo all’assistenza legale e alle zioni da intraprendere, la questione presenta una complessità di elementi che vanno verificati in base alla documentazione in suo possesso, alla possibilità di testimonianze in suo favore e ad una valutazione medica che accerti il suo stato di salute e il nesso con gli episodi da lei indicati.

Avv. Antonella Martufi

 

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280