HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Svolgo mansioni di categoria superiore: ho diritto all'inquadramento e alle indennità?
Diritto del lavoro | (09/05/2019)

Lavoro come operatore tecnico cat... , con funzione di ricezione chiamate di soccorso e invio ambulanza con attribuzione codice colore priorità. (1) Utilizziamo videoterminali (infatti abbiamo 10 min di pausa ogni ora) e cuffie, tuttavia in busta paga non vi è alcuna indennità in merito. (2) Svolgiamo mansioni prettamente sanitarie (infatti in altre realtà italiane rispondono infermieri e/o medici): anche in questo caso nessuna indennità di mansione. (3) Nelle altre centrali lombarde i tecnici sono inquadrati in cat. C, noi in B o ... poiché dipendiamo funzionalmente dalla Azienda Regionale... mi domando il perché di questa disparità. (4) Lavoro lì da 5 anni quasi, e non mi hanno mai fatto il corso sulla sicurezza sul posto di lavoro (eccetto un test che invia via mail dopo la assunzione): cosa posso fare? Non corre buon sangue con la mia caposala (straordinari da turni contro il CCNL ecc.). (5) Soffro di insonnia: vorrei evitare di fare mattine

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 09/05/2019

La situazione che prospetta è complessa.

L’inquadramento professionale non può essere accertato (e le relative indennità riconosciute) in base al confronto con le mansioni svolte (e le indennità percepite) dagli altri lavoratori e/o in altre sedi.

E’ fondamentale ricostruire l’assetto organizzativo della sede di lavoro, presso la quale è impiegato, per capire se l’assegnazione alle mansioni, che lei indica come infermieristiche, sia piena ed effettiva o attuata nei limiti consentiti dalla legge e dalla regolamentazione in materia.

Riguardo alle deroghe al CCNL (turnazione e straordinari), si rende necessaria una valutazione approfondita della durata della prestazione di lavoro che le viene richiesta.

Per il problema dell’insonnia, deve rivolgersi al medico competente, il quale valuterà se necessario prescrivere delle limitazioni alla prestazione di lavoro.

Avvocato Antonella Martufi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280