HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Rei e ape. C'è incompatibilità?
Diritto del lavoro | (12/11/2018)
Atto iniquo da parte di INPS. Presentata domanda REI, accettata ed ottenuto il primo contributo (luglio), ad agosto il REI viene messo in “decadenza” e sono annullati i contributi. Motivazione: (nessun atto ufficiale ma solo risposta da “INPS risponde”) dal 1° agosto INTRODOTTO NUOVO CONTROLLO, i possessori di pensione sociale non hanno diritto al REI. Domanda: ma si può inserire una limitazione DOPO che è stato concesso il diritto al contributo, quindi con effetto retroattivo? Ho fatto ricorso online, il giorno dopo l’Inps mi comunica che il ricorso è stato annullato ed è stata inviata la documentazione per il riesame alla sede territoriale di competenza (7/09). Da allora, malgrado solleciti e telefonate, non hanno risposto alla domanda di riesame e continuo a non avere il contributo spettante. Non c’è una legge (NUMERO 241 DEL 7/08/1990) che devono rispondere al riesame entro 30 giorni? Che cosa posso fare? Grazie.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 12/11/2018

REI e assegno sociale sono compatibili tra di loro solo in teoria, perchè si tratta di due prestazioni economiche assistenziali. Per avere diritto ad entrambe l'importo dell'assegno sociale dovrebbe essere inferiore a quello del REI.

Ma questo non può essere superiore all'importo dell'assegno sociale.

Da ciò deriva l'incompatibilità delle due prestazioni, poichè il risultato dell'operazione non potrà essere che zero o pari a zero, se il richiedente percepisce l'assegno sociale.

Per questo  l'INPS respinge ogni domanda o, se questa è stata accettata, la sospende.

Non è ancora chiaro se gli importi erogati verranno trattenuti sull'assegno sociale oppure rateizzati. In ogni caso l'INPS blocca senza dare spiegazioni (cfr circolare 172 del 22/11/2017) e richiede la restituzione delle somme erogate.

Il termine di 30 gg. da Lei indicato con la normativa di riferimento si riferisce alla conclusione del procedimento. 

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280