HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Trasferimento del lavoratore in una nuova sede di lavoro: presupposti.
Diritto del lavoro | (31/05/2018)
buonasera, a causa di una fusione sono stata trasferita a 60 m da casa con relativo cambio di lavoro e indennità di 1950 euro lordi all'anno.i costi reali ammontano a 540 euro mensili (benzina+casello)vorrei capire se posso tutelarmi in qualche modo e se l'azienda decidesse di darmi una somma per licenziarmi quanto posso chiedere.Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Carla Etzi
Risposta del 31/05/2018

L'art. 2103 Codice Civile prevede che, in presenza di ragioni oggettive legate all'organizzazione del lavoro o alla produzione, il dipendente possa essere trasferito ad una nuova sede di lavoro.

Mi pare che in questo le ragioni vi siano e quindi non vi sia la possibilità neppure di proporre una causa davanti al Giudice del Lavoro per far accertare l'illegittimità del trasferimento ed il suo diritto ad essere riassegnata alla precendete sede di lavoro.

Per capire quale possa essere una cifra congrua da accettare quale incentivo all'esodo è necessario effettuare delle verifiche sul suo contratto e sull'ultima busta paga.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280