HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
L'azienda può rifiutare la richiesta di trasferimento presentata dal lavoratore?
Diritto del lavoro | (05/05/2020)

Ho chiesto il trasferimento in altro negozio più vicino alla mia nuova residenza, poichè la mia famiglia deve trasferirsi a 130 km dall'attuale. Possono rifiutare la mia richiesta? L'azienda non mi risponde e il mezzo più conveniente per raggiungere l'attuale posto di lavoro, è il treno, ma ci sono solo limitati treni che mi porterebbero al lavoro. L'azienda può licenziarmi per questo?

 

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 05/05/2020

Occorre premettere che il trasferimento rientra nel normale esercizio del potere direttivo del datore di lavoro.

Tale potere datoriale è sottoposto alle condizioni previste dall’art. 2103, la cui applicazione prevede che il lavoratore dipendente possa essere trasferito da una unità produttiva ad un’altra solo per comprovate ragioni tecniche produttive e organizzative.

Tale norma, posta a tutela del lavoratore, affinché lo stesso non venga esposto ad abusi datoriali, ha una portata diversa nell’ipotesi in cui sia il dipendente a chiedere di essere trasferito. In tale ipotesi, infatti, la norma trova applicazione sotto forma di valutazione da parte del datore di lavoro dell’idoneità del trasferimento del dipendente a soddisfare tali esigenze.

In sostanza, nel caso di richiesta di trasferimento da parte del dipendente, il datore di lavoro dovrà valutare se il trasferimento può essere compatibile con le esigenze organizzative e gestionali dell'azienda, e la relativa concessione al dipendente resta condizionata alla valutazione del datore di lavoro e, tale valutazione, presenta ampi margini di discrezionalità, sebbene ciò non possa sfociare in una discriminazione del lavoratore.

Quanto all'eventuale licenziamento è evidente che, qualora Lei si rifiutasse di prestare servizio nell'attuale sede di lavoro a causa del diniego di trasferimento da parte dell'azienda, ciò potrebbe configurare un comportamento disciplinarmente rilevante e contestabile da parte del datore di lavoro.

Avvocato Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280