HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Furto al supermercato: cosa accade se pago la merce sottratta?
Diritto Penale | (09/06/2020)

Mi hanno fermato appena passate le casse automatiche al supermercato: non ho pagato 25 euro di spesa. Sono stata bloccata dalla sicurezza ed ho pagato e mi hanno chiesto i documenti. L'ho fatto altre volte, sempre cifre piccole. Sono incensurata e non ho usato violenza ne maleducazione con nessuno.......vado in carcere o possono darmi la sospensione della pena?

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 09/06/2020

Rispondo subito alla sua domanda per rassicurarla. Atteso ciò che ha raccontato circa l'episodio e la sua incensuratezza non deve temere di andare in carcere. Diversamente non è possibile affermare con certezza che non si incardini un procedimento penale a suo carico.

Per darle una risposta il più possibile esaustiva, tuttavia, è necessario fornirle alcune informazioni in merito alla sua condotta. Il reato di furto, previsto dall'art.624 c.p., è un delitto punibile a querela della persona offesa: nel suo caso significa che il proprietario del supermercato o il responsabile del punto vendita possono decidere se sporgere o meno una querela nei suoi confronti.

Ne consegue che la persona fermata dalla vigilanza e a cui sono stati chiesti i documenti non ha la certezza di essere stata denunciata; è consigliabile, pertanto, trascorso un po' di tempo, richiedere un certificato dei carichi pendenti. Questo strumento consente di conoscere l'eventuale esistenza di procedimenti penali a proprio carico e quindi poter iniziare ad approntare la propria strategia difensiva.

Per completezza, le segnalo che in presenza di determinate circostanze il reato è procedibile d'ufficio, ciò significa che l'azione penale viene esercitata indipendentemente dalla volontà della persona offesa.

Infine, data l'esiguità del valore della merce sottratta e il pagamento della stessa ben potrebbe trovare applicazione la disciplina prevista dall'art. 131 bis c.p.: la norma, in presenza di determinati presupposti, consente di escludere la punibilità se l'offesa è appunto di particolare tenuità, come parrebbe nel suo caso. 

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280