HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Diritto Penale | (09/05/2019)
Quando viene fatto il continuato quale calcolo viene fatto dal giudice sulla riduzione di pena ?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Nadia Mungari
Avvocato Nadia Mungari
Risposta del 09/05/2019

Si parla di reato continuato, ai sensi dell'art. 81 comma 2 c.p., quando due o più reati vengono ritenuti "in continuazione", vale a dire esecutivi del medesimo disegno criminoso.

Qualora venga riconosciuta la continuazione fra più illeciti, il Giudice, al fine di quantificare la pena, considera quella da infliggere per il reato ritenuto più grave (soprattutto perchè caratterizzato da una sanzione più ingente) e la aumenta al massimo fino al triplo della stessa.

L'effetto di questo calcolo è prevalentemente quello di avere una pena ridotta rispetto a quella che potrebbe risultare dalla somma delle sanzioni inflitte, in caso di mancato riconoscimento della "continuazione".

Avvocato Nadia Mungari

 

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280