HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
il divorzio in comune: quando è possibile?
Divorzio breve | (31/01/2019)
Premesso che vorrei fare il divorzio in comune, non avendo figli, ma non potendo in tal caso riportare l accordo di separazione che prevede il pagamento Delle utenze della casa in comune, a carico dell' ex marito; vorrei sapere se posso fargli firmare un foglio dove lui si impegna a pagare le utenze fino a quando non vendiamo la casa. Avrebbe validità legale?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Marta Calderoni
Avvocato Marta Calderoni
Risposta del 31/01/2019

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

Il divorzio in Comune da Lei citato, presso l’ufficio di stato civile, è consentito solo alle seguenti condizioni:

– la coppia non deve avere avuto figli dall’unione i quali siano ancora minorenni, maggiorenni non autosufficienti, portatori di handicap o incapaci. È invece possibile il divorzio in Comune se la prole ormai lavori e sia indipendente da un punto di vista economico;

– la coppia deve avere trovato un accordo su tutti gli aspetti del divorzio, sia personali che patrimoniali;

– l’accordo non può disciplinare trasferimenti patrimoniali tra i coniugi come, ad esempio, l’assegnazione della casa, arredi e altri mobili presenti nell’abitazione, l’autovettura, conti correnti bancari, titoli, depositi, libretti di risparmio, ecc.

In termini pratici ciò significa che per stabilire la divisione di determinati gli ex coniugi dovranno ricorrere ad un’autonoma scrittura privata sottoscritta in separata sede oppure alla negoziazione assistita degli avvocati.

L’accordo in Comune può invece contenere anche patti aventi ad oggetto l’assegno divorzile.

Nel Suo caso, riteniamo possibile prevedere nell'accordo di divorzio che le utenze della casa in comproprietà vengano pagate dal Suo ex marito; ad ogni modo precisiamo che, nel caso in cui sorgano problematiche su tale clausola, potrete sottoscrivere una autonoma scrittura privata o fare ricorso alla negoziazione assistita.

 

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280