HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Diritto di abitazione del coniuge superstite
Eredità e Successioni | (22/05/2018)
Buongiorno, alla morte di mio papa' abbiamo fatto la dichiarazione di successione per l'immobile le quote sono state così suddivise 66% a mia mamma e 33% da ripartire tra me e i miei 4 fratelli. Da circa un mese ho venduto la casa e mi sono trasferita da mia mamma. La mia domanda è..ho diritto di stare in questa casa? mia mamma puo mandarmi via? Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 22/05/2018

Preme inizialmente fare chiarezza circa le quote ereditarie.

In assenza di testamento, e ove sopravvissuti al de cuius siano il coniuge e due (o più) figli, al primo è destinato 1/3 del patrimonio ereditario, mentre ai secondi la quota di 2/3.

Naturalmente tali quote cambiano, ove (nel quesito non è precisato) vi sia un testamento, che abbia disposto circa la quota disponibile

****

Ponendo il focus circa il Suo quesito specifico, segnaliamo come, alle morte del coniuge, la moglie vede costituito in capo a sè il diritto di abitazione.

In forza dell'art. 540 del codice civile infatti "Al coniuge, anche quando concorra con altri chiamati, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare e di uso sui mobili che la corredano, se di proprietà del defunto o comuni".

Non è quindi previsto, se non istituito ad hoc successivamente per volontà dei titolari del bene e segnatamente del titolare esclusivo del diritto di abitazione, tale diritto per gli altri eredi.

In concreto, allo stato Ella è proprietaria di una porzione del bene, ma non del diritto di abitarlo. Ciò ovviamente non esclude possa usare il bene in accordo con la madre e, nel caso, anche con gli altri fratelli, contitolari dell'immobile.

****

Resta ferma la possibilità di richiedere la divisione e lo scioglimento della comunione e quindi percorrere la via della vendita delle quote, ricavandone la proporzionale liquidità.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280