HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (26/09/2019)
Quale genitore unico esercente la potestà in quanto vedovo sulle due figlie minori ho ottenuto dal Tribunale ai sensi dell' art 747 cpc l' autorizzazione a vendere l' immobile caduto in successione di comproprietà mia e delle figlie ed a compiere tutti gli atti allo scopo necessari inclusa la stipula del contratto preliminare al prezzo di € 220.000,00 conforme al valore di perizia previa soddisfazione dei creditori ereditari e devoluzione della residua somma di pertinenza delle minori in bot e/o buoni postali. Così testualmente il decreto autorizzatorio. Mi chiedo: in sede di pagamento della caparra in fase preliminare e poi di prezzo come vanno intestati gli assegni? Alle minori o al sottoscritto come esercente la potestà? Chi controlla l' investimento? Devo trasmettre l' investimento in Tribunale?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Guido  Vecellio
Avvocato Guido Vecellio
Risposta del 26/09/2019

L'autorizzazione alla vendita dei beni ereditari si richiede con ricorso al Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione.

In presenza di minori deve essere sentito il Giudice Tutelare .

Il giudice provvede con decreto, contro cui è ammesso reclamo alla Corte d'Appello.

Quando un chiamato all'eredità è un minore, quest'ultimo deve obbligatoriamente accettare l'eredità con la procedura del beneficio d'inventario.

Per l'accettazione ha tempo 10 anni dalla morte del de cuius, per l'inventario fino al compimento del 19 esimo anno d'età. Stesso termine per la presentazione della dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate.

Il genitore può compiere, in nome e per conto dei figli minori, atti di ordinaria e di straordinaria amministrazione di contenuto patrimoniale. Per la strordinaria amministrazione è sempre obbligatoria l'autorizzazione del Giudice Tutelare.

In quest'ultimo caso rientra l'alienazione dei beni ricevuti dal minore in eredità. Il giudice valuta, nell'interesse del minore, ogni operazione potendo anche effettuare perizie sui beni, per la determinazione del valore di mercato e non autorizza la vendita a prezzi inferiori, controllando così la bontà degli atti posti in essere.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280