HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (29/12/2018)
Salve sono mamma di un minore che gli è deceduto il suo papà, non siamo stati sposati ne conviventi, ho accudito è gestito il figlio principalmente da sola per la lontananza del padre. Non ho mai intrapreso azioni legali x il mantenimento con l’intento di non creare atriti, aspettavo quel poco con pazienza. Ora sembra che il padre ha fatto il testamento con la nomina di un ‘tutore legale’ Ma è possibile anche se esiste l’altro genitore non decaduto dalla potestà? Oppure mi sbaglio con procuratore speciale? Ci si può opporre e il minore (15 anni) può essere sentito dal giudice? Altra cosa che forse è quella che ci permetterebbe di vivere dignitosamente...la pensione indiretta esula dal discorso di amministrazione del patrimonio del minore? Può essere riscossa senza problemi? Grazie infinite.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Marta Calderoni
Avvocato Marta Calderoni
Risposta del 29/12/2018

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

Il minore può avere un tutore quando i suoi genitori non possono o non sono in grado di aver cura e di esercitare la vigilanza su di lui, nonché di amministrare i suoi beni.

In particolare, i casi in cui si procede a nominare un tutore ricorrono quando il minore:

- sia orfano di entrambi i genitori;

- sia figlio di ignoti;

- sia stato dichiarato adottabile ed è in attesa di essere adottato;

- abbia genitori ai quali è stata tolta la responsabilità genitoriale o è stata sospesa in seguito a condanna penale;

- abbia genitori lontani (ad esempio stranieri residenti all’estero) o latitanti e quindi non in grado di svolgere la potestà genitoriale.

In base all'articolo 348 del Codice Civile, occorre verificare in primo luogo se il genitore del minore, che ha esercitato per ultimo la potestà genitoriale, ha designato specificamente qualcuno a svolgere il ruolo di tutore. La designazione può essere fatta per testamento, per atto pubblico o per scrittura privata autenticata.

Ciò è quanto ci sembra di capire sia avvenuto nel caso di specie, ove il genitore che è deceduto ha designato nel testamento un tutore per il proprio figlio quindicenne.

Tuttavia tale designazione è priva di effetto poiché il bambino non è orfano di entrambi i genitori: la madre è in vita e può esercitare la responsabilità genitoriale, che (se abbiamo ben compreso) non è stata sospesa né limitata.

Con riferimento alla pensione indiretta, invece, segnaliamo che, alla morte di un pensionato o di un lavoratore assicurato, alcuni dei suoi familiari hanno diritto ad una pensione: si tratta di una protezione che l'ordinamento giuridico riconosce ai familiari piu' stretti del defunto, quali il coniuge e i figli.

Per avere diritto alla pensione indiretta occorre che il defunto potesse vantare al momento del decesso almeno: a) 15 anni di assicurazione e di contribuzione ; oppure b) 5 anni di assicurazione e di contribuzione di cui almeno 3 anni versati nei 5 anni precedenti il decesso.

I beneficiari sono, a norma dell'articolo 13 della legge 636/1939, i familiari superstiti e più precisamente: il coniuge, i figli, i genitori, i fratelli e le sorelle. 

Nel caso di specie, il figlio - minorenne alla data del decesso del padre-lavoratore - ha sicuramente diritto alla pensione indiretta.


Avvocato Marta Calderoni




DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280