HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Successione tra conviventi. Come sono disciplinati i diritti ereditari?
Eredità e Successioni | (24/04/2019)
Salve, io e la mia compagna conviviamo e abbiamo una figlia di 4 anni. Non essendo sposati, è consigliabile che ciascuno di noi faccia testamento nominando erede della quota disponibile il partner o la presenza di una figlia rende superfluo il testamento?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Guido  Vecellio
Avvocato Guido Vecellio
Risposta del 24/04/2019

Conviventi di fatto sono due persone maggiorenni, unite da stabili legami di coppia affettivi e da reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, da matrimonio e da unione civile. Così la legga Cirinnà del 2016.

Nella coppia che ha una stabile convivenza, ma non ha contratto matrimonio o unione civile, il partner che sopravvive all'altro non ha alcun diritto ereditario, se non in presenza di testamento. In questo caso il defunto potrà disporre, sempre nel rispetto della quota di legittima, a favore del partner convivente solo per la parte disponibile del suo patrimonio.

Non c'è comunione di beni ed in presenza di figli non vi sono altri legittimari.In presenza di figli minori, nella denegata ipotesi di morte dei genitori conviventi, è consigliabile inserire nel testamento il nominativo della persona che dovrà prendersi cura, post mortem, dei minori.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280