HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (26/02/2016)
Ho una zia anziana, senza marito né figli, cui ho provveduto negli ultimi anni, essendo la stessa fisicamente inabile. Lo scorso anno è venuta a mancare. La zia ha lasciato un testamento in cui è stabilito che la maggior parte dei suoi beni venga assegnata a me, per averla accudita nell’ultimo arco della sua vita, mentre la restante minor parte ai miei due fratelli. Ora questi ultimi minacciano un’azione legale per impugnare il testamento, in quanto, a loro detta, i beni della zia andrebbero equamente ripartiti tra noi tre fratelli. E’ possibile?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Livia Achilli
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 26/02/2016
Il nostro codice civile prevede che solo i legittimari possano impugnare il testamento per violazione dei propri diritti. I legittimari sono “le persone a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti nella successione”, ed esattamente sono: il coniuge, i figli legittimi (ossia nati all’interno del matrimonio), i figli naturali (ossia nati fuori dal matrimonio), i figli adottati e gli ascendenti legittimi. Solo questi ultimi, pertanto, godendo di una quota di eredità riservata loro per legge – anche contro la volontà del defunto - possono impugnare per violazione di “quota di legittima”. Tutti gli altri eredi possono impugnare il testamento esclusivamente per cause di nullità, ossia per difetti di forma che escludono o rendono incerta l’autenticità delle disposizioni testamentarie (ad esempio: mancanza dell’autografia, mancanza della firma, ecc.). Pertanto, venendo ora al caso di specie, possiamo affermare che i suoi fratelli, non rientrando nella definizione di “eredi legittimari”, possono impugnare il testamento della zia solo per denunciata nullità dello stesso. Ma non per contestare il contenuto delle disposizioni: che, nel caso, è di maggior favore nei suoi confronti. Conseguentemente, una volta accertato che il testamento della zia defunta possiede tutti i prescritti requisiti di sostanza e di forma, ed è stato liberamente rilasciato dalla medesima, i fratelli nulla potranno opporre, poiché il testamento in questione è pienamente valido ed efficace in tutto il suo contenuto, ne' è necessaria alcuna spiegazione e/o giustificazione delle disposizioni in esso contenute.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280