HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Eredità e Successioni | (03/03/2014)
Mio marito è venuto a mancare da poco e ha lasciato a me, sua unica erede, la casa coniugale, alcuni conti correnti, un’assicurazione - rischio morte - e il TFR, poiché al momento della morte lavorava ancora. Non ho capito se l’assicurazione e il TFR rientrano o meno nel patrimonio ereditario e se sono soggetti alla successione e relative imposte.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Livia Achilli
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 03/03/2014
Quanto al trattamento di fine rapporto (il TFR è costituito da accantonamenti annuali di quote della retribuzione percepita dal lavoratore dipendente in costanza del rapporto lavorativo), in caso di decesso del lavoratore in attività, il TFR, ai sensi dell’articolo 2122 del codice civile, deve corrispondersi al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del prestatore di lavoro, ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado. Ora in base all’articolo 12, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 346/1990, “Non concorrono a formare l’attivo ereditario…le indennità di cui (agli articoli 1751, ultimo comma) e 2122 del codice civile e le indennità spettanti per diritto proprio agli eredi in forza di assicurazioni previdenziali obbligatorie o stipulate dal defunto”. Ciò significa che i soggetti sopra menzionati acquistano l’indennità di fine rapporto in virtù di un diritto loro attribuito dalla legge, cioè per diritto proprio, che, in quanto tale, non concorre a formare l’attivo ereditario. Pertanto la sua corresponsione è indipendente dall’accettazione dell’eredità - e quindi non soggetta all’imposta di successione - e il datore di lavoro non è obbligato ad acquisire la prova della presentazione della dichiarazione di successione. Stessa cosa dicasi per l’assicurazione – rischio morte. In caso di decesso dell’assicurato contraente, le somme corrisposte al beneficiario non rientrano nell’asse ereditario in base al dispositivo di cui all’art. 1920 del codice civile, il quale prevede espressamente: “è valida l’assicurazione sulla vita a favore di un terzo. (…) Per effetto della designazione, il terzo (beneficiario) acquista un diritto proprio ai vantaggi dell’assicurazione”.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280