HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Gli assegni familiari sono erogati anche ai figli che mia moglie ha avuto da precedente relazione?
Famiglia | (26/04/2020)

Sposato una ragazza con già due figli, abbiamo fatto il terzo.. Gli assegni familiari devo passarli anche ai figliastri? E se sono senza reddito la mia ex compagna può rivalesi sui genitori del papà chiamato in causa?

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 26/04/2020

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

L’assegno al nucleo familiare, anche noto come ANF, è un importo riconosciuto dall’INPS ogni mese alle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati.

I lavoratori dipendenti hanno diritto a percepire mensilmente gli assegni familiari entro determinati limiti di reddito.

Per poterli ricevere è necessario presentare domanda e, dalla data in cui si perfezionano i requisiti previsti dalla legge, ad esempio dalla data del matrimonio o dalla nascita del figlio, l’Inps calcolerà l’importo spettante sulla base del reddito percepito.

Gli ANF vengono erogati dal datore di lavoro direttamente nella busta paga.

Nel caso di specie, Lei avrà diritto a percepire gli assegni al nucleo familiare con riferimento al figlio concepito con Sua moglie; per quanto concerne invece gli altri due figli della donna, gli assegni familiari potranno essere richiesti dal padre dei bambini.

Per quanto riguarda invece la possibilità che i nonni intervengano e corrispondano il mantenimento del nipote nell'ipotesi in cui il genitore sia sprovvisto di liquidità per far fronte a tali obblighi di mantenimento, precisiamo quanto segue.

I nonni sono tenuti a mantenere i nipoti, integrando anche quanto loro destinato dai genitori, solo nel caso in cui questi ultimi non siano in grado da soli di soddisfare le esigenze primarie dei figli.

La norma che prevede tale obbligo è la stessa che obbliga i genitori a mantenere, istruire ed educare la prole, ossia l'art. 148 del nostro codice civile; tale disposizione prevede infatti una obbligazione sussidiaria (rispetto all'obbligo primario dei genitori) dei nonni a mantenere i nipoti.

Ai sensi di tale articolo quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli altri ascendenti legittimi o naturali, in ordine di prossimità , sono tenuti a fornire ai genitori stessi i mezzi necessari affinché possano adempiere i loro doveri nei confronti dei figli.

Il coinvolgimento dei nonni può essere richiesto solo ed esclusivamente quando entrambi i genitori, e non solo uno di essi, non sono in grado con i loro introiti (reddito da lavoro ed altro) di fare fronte alle esigenze primarie dei figli (vitto, alloggio, vestiario).

I nonni possono in questa ipotesi essere chiamati a coprire interamente tali esigenze od ad integrare, con somme in danaro, quanto occorre al soddisfacimento dei nipoti, sempre che i loro stessi redditi glielo consentano.

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280