HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Il consenso informato: quali eccezioni?
Famiglia | (03/06/2019)
Gentilissimo Avvocato, ogni mese vengo costretto (obbligato) dal Centro Salute Mentale della mia Asl ad assumere psicofarmaci mediante iniezioni nonostante io sia contrario. Non ho mai dato il mio consenso informato. Sono favorevole alla sola psicoterapia che mi aiuta moltissimo. Vorrei semplicemente sapere se costituisce reato il costringermi ad assumere psicofarmaci contro la mia volontà e senza il mio consenso informato. La ringrazio moltissimo e le invio i miei più cordiali saluti.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 03/06/2019

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

Il principio del “consenso informato” rappresenta il diritto del paziente di scegliere, accettare o rifiutare i trattamenti che gli vengono proposti, dopo essere stato pienamente informato (salvo sua esplicita rinuncia) sulla diagnosi e il decorso previsto della malattia e sulle alternative terapeutiche (incluso il loro rifiuto) e le loro conseguenze.

Esso è dunque lo strumento attraverso il quale si concretizza il diritto all’autodeterminzione e con esso il rispetto della dignità della persona.

Per consenso informato si intende un processo comunicativo col paziente che consta necessariamente di due parti:

  1. Erogazione di informazioni chiare ed esaustive, con verifica della comprensione da parte del paziente;
  2.  Acquisizione di valido consenso, libero ed esplicitato dal paziente.

L’informazione è pertanto il requisito fondamentale del consenso e presupposto imprescindibile per la scelta consapevole.

Inoltre segnaliamo che, a norma dell’art. 32 della Costituzione Italiana, nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.

La legge non può però in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Dunque se è vero che l’atto medico è autolegittimato perché persegue un alto valore sociale (la tutela della salute come bene costituzionalmente garantito) e perché il medico assume una posizione di garanzia, tuttavia l’atto è limitato dal diritto del paziente all’autodeterminazione.

Sottolineiamo ancora che il medico che abbia omesso di raccogliere il consenso informato può incorrere in responsabilità, anche se la prestazione viene eseguita senza errori.

Le uniche eccezioni all’obbligo di raccogliere il consenso informato sono rappresentate dallo stato di necessità/emergenza/urgenza (a norma dell’art. 54 c.p.: pericolo imminente di vita o di grave danno alla salute; in tal caso si agisce su consenso presumibile e dunque il reato non è punibile) e dal c.d. TSO (ex artt. 33,34,35 L. 833/78).

Alla luce di quanto sopraesposto, nel caso di specie, il comportamento tenuto dal Centro Salute Mentale nei Suoi confronti si appalesa del tutto illegittimo, in assenza di uno specifico stato di emergenza o di trattamento sanitario obbligatorio nei Suoi confronti.

 

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280