HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Coppia non sposta e mantenimento del figlio: come funziona?
Famiglia | (27/11/2017)
Buongiorno spiego in breve la situazione. Il mio compagno ha un bimbo avuto da una precedente relazione (non erano sposati) e non hanno mai richiesto assistenza da avvocati ne per questione economica ne per quanto riguarda la permanenza del bambino presso il domicilio del papà, in quanto vive con la madre. Ora la signora vorrebbe andare dal suo avvocato per sistemare le cose. La domanda è, può richiedere gli arretrati al padre? C’e un modo per la quale questo non possa avvenire? premetto che noi abbiamo una bambina ma non siamo sposati. Grazie.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 27/11/2017
In merito al Suo quesito, Le premettiamo che la scelta dell’ex compagna del Suo partner appare opportuna al fine di regolare i loro rapporti (economici e non) con il figlio. Questo a tutela ovviamente del minore. Detto ciò, Le ricordiamo anche che il nostro ordinamento prevede un obbligo a carico dei genitori (anche non sposati) di mantenere i figli, per il solo fatto di averli generati, in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale. In particolare, nel Vostro caso, il Suo compagno, anche in assenza di un provvedimento del Giudice, aveva e ha l’obbligo di versare una somma di denaro alla madre del bimbo in favore di quest’ultimo per sostenere le spese ordinarie e straordinarie inerenti il minore stesso. Questo perché entrambi i genitori naturali – non diversamente da quelli legittimi – sono coobbligati solidali nei confronti del figlio per tutto quanto gli è dovuto per il suo mantenimento. Le confermiamo, pertanto, il genitore che da solo abbia provveduto al mantenimento del figlio naturale può agire contro l'altro genitore per ottenere il rimborso pro quota delle spese, attraverso un'azione di regresso. L’unica alternativa a questo è che la madre e il padre trovino un accordo transattivo tra loro per il passato, stabilendo una somma forfait per gli arretrati, e si rivolgano poi congiuntamente al Giudice per chiedere la regolamentazione dei rapporti per quanto attiene il futuro.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280