HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Covid-19 e matrimoni: sono possibili?
Famiglia | (29/04/2020)

Con il nuovo dpcm, se il comune di residenza si rifiuta di permettermi di fare le pubblicazioni di matrimonio ha ragione?  Se volessimo una cerimonia senza invitati, mantenendo le distanze e usando le mascherine, perché non sarebbe possibile celebrarlo? Ho diritto di contestare queste scelte? 

 

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Marta Calderoni
Avvocato Marta Calderoni
Risposta del 29/04/2020

Il DPCM del 10 aprile 2020 prevede espressamente all'art. 1 comma 1 lettera i) che "sono sospese su tutto il territorio nazionale tutte le cerimonie civili e religiose".

Tale disposizione non è stata abrogata dal DPCM del 26 aprile 2020, che entrerà in vigore il 4 maggio p.v.; anche tale Decreto, infatti, all'art. 1 comma 1 lettera i) conferma che "sono sospese le cerimonie civili e religiose".

Alla luce delle disposizioni sopracitate deve pertanto ritenersi che, fino a nuova e diversa disposizione, nel nostro Paese sono sospesi i matrimoni, sia civili che religiosi.

Riteniamo dunque che sia questo il motivo per il quale il Comune non Vi consente di effettuare le pubblicazioni; naturalmente le pubblicazioni dovranno riprendere regolarmente quando cesserà la sospensione per l'emergenza Covid-19 delle cerimonie civili e religiose.

Avvocato Marta Calderoni

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280