HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
E' possibile omettere le pubblicazioni del matrimonio?
Famiglia | (08/06/2018)
Buon giorno, io ed il mio compagno vorremmo unirci in matrimonio con rito religioso e civile, ma vorremmo evitare le pubblicazioni. Il parroco ci ha confermato che per quanto riguarda le pubblicazioni religiose queste possono essere omesse, previo permesso della curia. Per quelle civili invece come funziona? Si possono evitare? Oppure l'alternativa sarebbe quella di rendere valido il matrimonio solo dopo il rito religioso, ma anche in questo caso chiedo delucidazioni. Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 08/06/2018

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno precisare quanto segue.

A norma dell'art. 93 del nostro codice civile - intitolato Pubblicazione - la celebrazione del matrimonio deve essere preceduta dalla pubblicazione fatta a cura dell'ufficiale dello stato civile. La pubblicazione consiste nell'affissione alla porta della casa comunale di un atto dove si indica il nome, il cognome, la professione, il luogo di nascita e la residenza degli sposi, se essi siano maggiori o minori di età, nonché il luogo dove intendono celebrare il matrimonio. L'atto deve anche indicare il nome del padre e il nome e il cognome della madre degli sposi, salvi i casi in cui la legge vieta questa menzione.

La pubblicazione è dunque una formalità preliminare per il matrimonio civile o concordatario, che non può in alcun caso essere omessa, salvo ricorrano cause  gravissime: a norma dell'art. 100 del Codice Civile, infatti, è prevista una riduzione del termine o addirittura l'omissione delle pubblicazioni nell'Albo pretorio, qualora ricorrano rispettivamente "cause gravi" e "cause gravissime".

Tale norma prevede infatti che il Tribunale, su istanza degli interessati, con decreto non impugnabile emesso in camera di consiglio, sentito il pubblico ministero, può ridurre, per gravi motivi, il termine della pubblicazione. 
Il Tribunale può inoltre autorizzare, con le stesse modalità, per cause gravissime, l'omissione della pubblicazione, quando gli sposi davanti al cancelliere dichiarano sotto la propria responsabilità che nessuno degli impedimenti stabiliti dagli articoli 85, 86, 87, 88 e 89 si oppone al matrimonio.

Nel caso di specie non sappiamo tuttavia quali potrebbero essere le "cause gravissime" che legittimino un Vostro ricorso al Giudice per chiedere (ed ottenere) l'omissione delle pubblicazioni.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280