HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Immobili | (20/04/2017)
Buongiorno vivo nella casa dei miei suoceri che è chiaramente intestata a mio suocero, neanche a mio marito. Per colpa loro il ns matrimonio sta andando a rotoli. Io ho contribuito con mobili e parte di un prestito per finire la casa. È possibile che nn siamo tutelati in questo senso se volessimo andare via da li? Perché nn posso guadagnare con.un affitto o vendita di quell'appartamento nonostante sia una casa di famiglia? E se dovessi separarmi? Ho due bambini di 4 e 2 anni Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Livia Achilli
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 20/04/2017
La possibilità di disporre di un bene, in questo caso di un immobile, e quindi anche di venderlo, ricavarci denaro, affittarlo o quant’altro possa costituirne utile, è attribuita esclusivamente al proprietario. Nel caso di specie, il solo fatto che Suo suocero, titolare dell’immobile, abbia riservato alla Sua famiglia un temporaneo diritto di abitazione di fatto o prestito dell’immobile, non costituisce presupposto di diritto per porsi nei confronti del bene come proprietari ovvero come titolari di qualsiasi altro diritto reale. La risposta al Suo quesito, pertanto, circa la possibilità di ricavare un vantaggio da una vendita dell’immobile ovvero la possibilità di concederlo in locazione, è negativa. Aver collocato la propria famiglia presso l’immobile e farne, per conseguenza, il centro dei rapporti e degli interessi familiari, non elimina i diritti relativi alla proprietà. *** Merita invece un’altra lettura il Suo apporto economico per l’acquisto dei mobili e per la spesa svolta per completare l’immobile. Primariamente, occorre verificare i previ accordi assunti con Suo suocero, ovvero su che basi fossero state svolte tali spese. In ogni caso, un significativo contributo economico all’arredamento dell’abitazione ed un concorso per terminare il bene immobile possono senz’altro presupporre una valutazione di richiesta restitutoria.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280