HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
comunione ereditaria. Cessazione ?
Immobili | (05/12/2018)
Salve avvocato mio marito è comproprietario insieme al fratello di un immobile avuto in eredità dai genitori. Mio marito ha sempre vissuto in questa casa insieme ai genitori non ha altre abitazioni quindi lui continua a vivere qui mentre per il fratello é una seconda casa. Lui ha preteso la sua parte di eredità quindi per assecondare la sua richiesta l'abbiamo messa in vendita ma per problematiche varie non siamo riusciti a venderla. La mia domanda è a questo punto cosa succede se non riusciamo a farlo? Mio marito non ha la possibilità di comprare la parte del fratello e ne la possibilità di lasciare casa senza prima averla venduta perché la sua parte servirebbe per trovare un'altra abitazione Nel ringraziarla della sua risposta Le invio per ora cordiali saluti
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 05/12/2018

La fattispecie che ci rappresenta rientra nello schema della comunione ereditaria, che è la conseguenza dell'acquisto dell'eredità da parte di più soggetti, detti coeredi. Nella comunione ereditaria ciascuno dei coeredi è titolare di una quota del patrimonio del defunto.

Alla comunione ereditaria si applicano le norme del Codice civile riguardanti la comunione in generale, oltre quelle riguardanti la successione.

Ciascun coerede può chiedere in ogni momento la divisione della comunione, facendo così cessare lo stato di comunione, determinatosi al momento della apertura della successione.

La divisione può essere amichevole ( con atto scritto e trascrizione nei pubblici registri) o giudiziale. Il giudizio di divisione, a far data dall'anno 2013, deve essere preceduto, a pena di nullità, da un tentativo di mediazione obbligatorio, avanti un Organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia, con l'assistenza di un legale. Se il bene in comunione viene goduto solo da uno dei comproprietari in uso esclusivo (  cioè non solo abitare, ma anche gestire l'immobile),gli altri coeredi hanno diritto ad avere, da chi gode dell'immobile, un "risarcimento" per il mancato godimento della quota ereditaria.

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280