HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Contratto di locazione a canone vile. Opponibilità alla procedura?
Immobili | (26/09/2020)

Asta fallimentare e acquisto di un terreno agricolo dove è stipulato un contratto di affitto. Sulla descrizione del lotto vi è la seguente dicitura: Il Giudice dell'esecuzione ha rilevato la non opponibilità alla procedura del suddetto contratto di affitto agrario in quanto stipulato a canone vile. Cosa significa? L'affitto è valido oppure no? Grazie.

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 26/09/2020

Il contratto di affitto viene definito a canone vile, quando è stato stipulato ad un prezzo inferiore di un terzo al giusto prezzo od a quello risultante da precedenti locazioni.

Tale principio viene applicato ad ogni vendita forzata, eseguita dal Curatore della procedura fallimentare o dal Giudice dell'esecuzione. Nelle procedure fallimentari l'attività di liquidazione del Curatore ha lo stesso carattere della procedura esecutiva immobiliare, in quanto posta in essere a tutela del ceto creditorio.

Se il canone viene ritenuto vile, il lotto  deve essere immediatamente liberato a favore dell'aggiudicatario.

All'accertamento della viltà del canone può procedere direttamente il Giudice o essere incaricato un perito estimatore, che procede alla valutazione.

Il contratto di locazione in essere pertanto non ha più valore.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280