HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Immobili | (15/01/2017)
Gentile avvocato, sono stato locatario di un immobile. Durante la mia permanenza, l'immobile è stato interessato da una perdita d'acqua da un appartamento attiguo che ha causato dei danni, tra cui muffa e sporco diffuso. Ho provveduto autonomamente a far pulire e sistemare l'immobile da un'impresa, facendomi rilasciare regolare fattura. Il locatore dal canto suo ha provveduto a procurare un preventivo per i lavori di sistemazione da effettuare sull'immobile. L'assicurazione del condominio ha liquidato una somma relativa alla fattura per l'intervento di pulizia già effettuato, e relativa al preventivo del proprietario. Il proprietario ha venduto l'immobile, non ha mai effettuato i lavori preventivati, e ha trattenuto il 60% della cifra a me destinata dall'assicurazione come risarcimento per l'intervento di pulizia. La domanda è: ha senso interpellare un legale per recuperare le 600€ che il proprietario non vuole restituirmi? Non si rischia di spenderne altrettante? Nonostante le mie rimostranze, il proprietario non ha intenzione di saldare. Cordiali saluti.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Livia Achilli
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 15/01/2017
In merito al Suo quesito precisiamo che i lavori di pulizia dei locali da Lei effettuati a seguito delle perdite proveniente dal vicino derivano da una acclarata ed esclusiva responsabilità di terzi (vicino e/o condominio). Versiamo in ipotesi di lavori di natura straordinaria, la cui gestione ed i relativi oneri economici spettano esclusivamente alla proprietà ovvero al terzo che ha cagionato il danno. Nella fattispecie se – come riferisce - la compagnia di assicurazioni ha liquidato relativa fattura a soggetto che non ha sostenuto alcuna spesa concreta, emerge il Suo diritto alla restituzione della somma anticipata. La proprietà si è pertanto illecitamente appropriata di somme senza alcun titolo, con una iniziativa giuridicamente del tutto ingiustificata. Pur trattandosi di un importo relativamente contenuto, è senz’altro opportuno ragionare quantomeno sulla possibilità di provare a recuperare la somma, attraverso un’attività stragiudiziale. Potrà ad esempio valutare la possibiliotà di inviare una diffida al proprietario. Consideri che di regola le spese legali dovrebbero essere sostenute dalla parte in "colpa".

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280