HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Proposta di acquisto subordinata al mutuo: profili e disciplina
Immobili | (21/11/2018)
Buonasera.Ad ottobre 2017 abbiamo firmato una proposta d'acquisto per un immobile con clausola relativa al mutuo. Il mutuo, tramite broker, è stato deliberato anche se dalla perizia risultavano irregolarità delle quali noi non ne sapevamo nulla. Avevamo data per il rogito "entro giugno 2018" prorogata ad" ottobre 2018" per via delle tempistiche per la sanatoria. Ad oggi, novembre 2018, la banca ci blocca il mutuo poiche mio marito ha cambiato lavoro riservandosi di darci risposta definitiva al momento del termine dei 2 mesi di prova(gennaio 2019). Nel frattempo non abbiamo firmato altre proroghe quindi ci chiediamo se il tutto puo ritenersi concluso, senza perdita di soldi per provvigioni all agenzia broker e banca non essendo stato rispettato il termine entro il quale fare il rogito. Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 21/11/2018

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo innanzitutto opportuno segnalare quanto segue.

Dalla Sua esposizione abbiamo compreso che Lei e Suo marito avete sottoscritto una proposta di acquisto di un immobile, subordinata alla concessione del mutuo da parte di un istituto bancario; si tratta di una proposta di acquisto che pone una condizione sospensiva e ciò è consentita dall’articolo 1353 del codice civile, a norma del quale si può stipulare un contratto ponendo come condizione la sua eventuale risoluzione in caso di avvenimento futuro ed incerto.

In tale caso, l’avvenimento a cui si subordina il contratto è l’ottenimento del mutuo: se questo viene concesso, l’acquisto può aver luogo, altrimenti esso potrà essere sospeso.

Dunque la proposta di acquisto dell'immobile da Voi effettuata conteneva una specifica clausola sull’inefficacia dell’obbligo di compravendita (che di per sé sarebbe stato vincolante) nel caso in cui il mutuo non Vi fosse concesso entro il termine di giugno 2018 (poi prorogato a ottobre 2018).

Per stabilire se la clausola sulla sospensione abbia o meno effetto, precisiamo che è fondamentale dare comunicazione all’agente immobiliare ed al venditore sia dell’ottenimento del mutuo, sia del rifiuto, sia del ritardo nella risposta, perché in caso di silenzio l’acquisto diventerebbe poi obbligatorio.

Se, dunque, Voi avete comunicato la mancata concessione del mutuo nel termine previsto e non è stata concessa una ulteriore proroga, si può ritenere risolto il contratto concluso con l'accettazione della Vostra proposta di acquisto.

In tale ultimo caso eventuali somme da Voi versate a favore del venditore dovranno essere restituite e l’agente immobiliare non maturerà alcun diritto alla provvigione.

 

Avvocato Marta Calderoni

 

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280