HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
contratto di sublocazione. Cedolare secca?
Locazioni ad uso abitativo | (02/12/2018)

Buongiorno, dovrei stipulare un contratto d'affitto ad uso abitativo nel comune di Roma, per poi sublocarlo destinando l'immobile ad attività ricettiva non imprenditoriale (locazione turistica). Premettendo che l'accordo è tra privati e non c'è attività d'impresa, comunico che Il proprietario vorrebbe avvalersi della "cedolare secca a canone concordato"(dl. s.n.23 del 14/03/2011-gazzetta ufficiale 67/2011 del 23/03/2011) con durata contrattuale 3+2 come riportato nella bozza del contratto d'affitto. Vorrei sapere se questa tipologia di contratto (3+2 con cedolare secca a canone concordato) può darmi dei problemi ai fini dell'uso che ne vorrei fare io: sublocazione. Attendendo un vostro gentile riscontro in merito, resto a disposizione per eventuali chiarimenti. 

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 02/12/2018

Con il contratto di sublocazione il conduttore ha la facoltà di sublocare totalmente l'immobile abitativo, solo previo consenso del proprietario. Se la sublocazione è solo parziale, è sufficiente una racc. a/r al proprietaio, con l'indicazione dell'identità del subconduttore e la durata del contratto.

Se manca il consenso, il locatore può chiedere l'immediato rilascio dell'immobile ed anche il risarcimento del danno. Il contratto di sublocazione tra privati deve essere registrato e la sua durata è rimessa alla libertà contrattuale delle parti.

Il locatore iniziale è l'unico soggetto che può optare per la cedolare secca, a patto che l'immobile, anche se sublocato, sia affittato ai soli fini abitativi.

Per i contratti stipulati dopo il 1° giugno 2017, gli affitti brevi arrivano a comprendere la sublocazione ed il comodato.

In questi casi si può optare per la cedolare secca con aliquota al 21%. Se trattasi di sublocazione breve, il sublocatore può scegliere se trattare i proventi come redditi diversi o applicare la cedolare secca al 21%.

Anche il locatore principale può optare per la cedolare secca sull'affitto pricipale e quidi si avrebbero due opzioni per la stessa casa. Ricordiamo che la sublocazione per contratti brevi non può superare i 30 gg.e che i redditi derivanti con cedolare secca non sono annoverati tra i redditi fondiari, ma tra i redditi diversi.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280