HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Responsabilità civile e risarcimento del danno | (26/06/2019)
Ho acquistato da uno cittadino privato uno scooter. Il signore che mi era sembrata persona onesta, mi aveva detto che lo scooter era a posto e non aveva subito incidenti, invece dopo l'acquisto, facendolo esaminare dal mio meccanico di fiducia, lo scooter risulta palesemente incidentato. Però io non posso dimostrare che lui non mi aveva detto che non era incidentato. E' il caso di intentare una causa ?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Alessio Fiacchi
Avvocato Alessio Fiacchi
Risposta del 26/06/2019

Nel suo caso si tratta di compravendita tra privati (consumatori) e pertanto si deve fare riferimento al codice civile. L' art. 1490 c.c. stabilisce che il venditore e' tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all'uso a cui e' destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore. Ciò a meno che l' acquirente conoscesse tali vizi o questi fossero facilmente riconoscibili. 

Nel suo caso, poniamo che i vizi non erano riconoscibili visto che non fa il meccanico di lavoro...lei avrebbe diritto alla risoluzione del contratto o alla riduzione del prezzo (a sua scelta) oltre al risarcimento del danno.

Come ha detto lei, però, il venditore potrebbe dire che lei era al corrente del vizio.....e starebbe a lei dimostrare al giudice che non è così....cosa non certo facile....comunque ecco il mio consiglio: visto che l' azione cade in decadenza se non denuncia il vizio al venditore entro 8 giorni dalla scoperta, LEI INVII UNA RACCOMANADATA AL VENDITORE DICHIARANDO DI AVER SCOPERTO IL GIORNO PRIMA CHE LO SCOOTER ERA INCIDENTATO...CHIEDENDO LA RESTITUZIONE DI UNA PARTE DI SOLDI....(quella che occorre per la riparazione...magari si faccia fare un preventivo).....così facendo l' azione di garanzia è salva....a questo punto vediamo lui cosa risponde....se lei è fortunato, il venditore ammette il vizio, magari sminuendolo...a quel punto potrà agire perchè ha ammesso implicitamente l' esistenza del vizio....

In ogni caso le consiglio di chiedere aiuto ad un legale, anche per l' invio della raccomandata.

 

Avvocato Alessio Fiacchi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280