HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Separazione e violazione dei doveri coniugali
Separazione dei coniugi | (29/01/2018)
Buon giorno vorrei un chiarimento. Ho scoperto da circa 9 mesi che mia moglie ha una relazione con un suo collega e abbiamo deciso di separarci. Da circa 2 mesi sono andato via di casa ma di fatto ci passo alcune ore tutti i giorni per vedere i miei figli anche in presenza di mia moglie ma la notte vado via. Poiché so per certo che la relazione continua vorrei sapere 2 cose: Posso fare qualcosa giuridicamente per impedire questa relazione almeno fino alla sentenza di separazione? Nel caso in cui dovessi scoprire che lui è entrato nella casa coniugale posso denunciarlo per violazione di domicilio? Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 29/01/2018
Sotto un profilo legale non è possibile, né previsto, impedire ad un adulto, per quanto coniugato, di assumere condotte in violazione dei doveri matrimoniali. Piuttosto, tali comportamenti possono assumere rilievo per le conseguenze che comportano in sede di separazione, con l’individuazione della responsabilità del soggetto fedifrago e un insieme di effetti sul piano economico e/o patrimoniale (ad es., esclusione dell’assegno di mantenimento). Peraltro, poiché il tradimento sia motivo di esclusione, tra le altre, del dovere di versare un assegno di mantenimento al coniuge fedifrago, è necessario che la relazione extraconiugale sia la causa della crisi matrimoniale e non un mero effetto. *** Quanto ai riflessi giuridici che potrebbe avere l’eventuale introduzione di un soggetto terzo in quella che era la casa familiare, occorre chiarire alcuni punti. Primariamente, è bene precisare chi abbia il domicilio/residenza presso l’immobile: se, come parrebbe naturale, Sua moglie è domiciliata presso l’abitazione e invita si sua spontanea volontà un soggetto ad entrare, questi non consuma una condotta penalmente illecita. La violazione di domicilio si realizza, infatti, laddove un soggetto si introduca in una proprietà privata contro la volontà, o a insaputa, del soggetto. Pertanto qualora Sua moglie avesse invitato un terzo, non può ravvisarsi una rilevanza penale. *** Visto quanto ci espone, e considerato un assetto non formalizzato tra Lei e Sue moglie, né sotto il profilo della frequentazione della figlia, né sotto il profilo della “gestione” della casa familiare, consideriamo che la separazione sia la soluzione ad hoc per disciplinare tali aspetti, unitamente agli altri risvolti che comporta (economici, abitativi etc.)

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280