HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
matrimonio civile. Nullità e annullabilità?
Separazione dei coniugi | (05/03/2019)
Buongiorno, due anni fa ho contratto matrimonio con solo rito civile. Non ho mai convissuto con mio marito né spostato la mia residenza da casa dei miei genitori con i quali sto abitando, in quanto nella casa che dovrebbe essere quella coniugale (intestata a mio marito) risiedeva (mi era stato detto in via provvisoria) e risiede fisicamente tutt'ora anche mia suocera. Avendo capito che non ha nessuna intenzione di lasciare la residenza del figlio, e io non accettando questa situazione assurda, chiedo se posso fare richiesta di annullamento del matrimonio. Se può esser utile siamo in regime di separazione dei beni. Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 05/03/2019

Il matrimonio celebrato con rito civile può essere impugnato con una richiesta di annullamento o di nullità, quando sia stato celebrato senza le condizioni previste dalla legge oppure in caso di vizi o limitazioni.

L'annullamento estingue il vincolo coniugale ed ha efficacia ex tunc. Soggetti legittimati a proporre l'annullamento sono i coniugi od anche uno solo di essi. Se i coniugi non hanno mai abitato insieme, l'azione di nullità può essere esercitata in qualsiasi momento, l'azione di annullamento entro 10 anni. Si propone con atto di citazione avanti il Tribunale ove il convenuto ha la residenza o domicilio.

Perchè l'azione sia proponibile, occorre però esaminare quali possano essere i vizi del matrimonio. Si deve perciò guardare alla formazione ed al contenuto dello stesso, alla mancanza delle condizioni per contrarlo ed al mancato rispetto delle regole.

Ci sono poi i vizi del consenso, la violenza morale, il timore di eccezionale gravità (no timore putativo o reverenziale) , l'errore, la malattia psichica, le anomalie o deviazioni sessuali, la simulazione ed infine sentenze penali di condanna.Nel caso che ci occupa potrebbe avere rilevanza la mancata convivenza e la eventuale mancata consumazione,peraltro non precisata.

 

Avvocato Guido Vecellio

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280