HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Separazione: mia moglie ha lasciato casa, cosa conviene fare?
Separazione dei coniugi | (02/10/2017)
Buon Giorno. Mia moglie se ne e' andata via di casa da più di una settimana, ho saputo che ha preso una casa in affitto in un paese vicino ed esce con una compagnia di amici e amiche.. Dato che siamo ancora sposati, Quale passo devo fare per primo e a chi rivolgermi per farmi fare un documento che attesti quello che dico ? Grazie.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 02/10/2017
In merito al Suo quesito, la situazione in cui Sua moglie versa attualmente è definita con l’espressione “abbandono del tetto coniugale”. Con questa espressione si intende l'allontanamento di un coniuge con o senza figli dalla casa familiare, interrompendo, così, la coabitazione matrimoniale. La convivenza è, infatti, un obbligo per le persone sposate, sancito dal Codice civile. La violazione di tale obbligo, così come quella degli altri obblighi coniugali (fedeltà, assistenza morale e materiale, collaborazione nell’interesse della famiglia), costituisce una violazione dei doveri nascenti dal matrimonio e, in sede di separazione personale, può essere contestata dall’altro coniuge e fondare l’addebito della separazione. Il coniuge uscito di casa può evitare l’addebito della separazione solo se prova la sussistenza di una giusta causa. La “giusta causa” può consistere in un comportamento negativo dell’altro coniuge oppure in un accordo tra i due coniugi per dare vita, anche temporaneamente, ad una separazione di fatto. Esistono, però, dei casi in cui l'allontanamento viene considerato legittimo, ovvero in presenza di determinate situazioni quali tutelarsi da condotte violente per la propria incolumità fisica e psichica, l’infedeltà, l’invadenza dei parenti, la mancanza di intesa sessuale, il comportamento dispotico del coniuge. Detto ciò, Le suggeriamo di rivolgersi ad un legale per formalizzare con una lettera, indirizzata a Sua moglie, la richiesta di separazione a fronte dell’abbandono del tetto coniugale da parte dell’altro coniuge.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280