HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Il Giudice può ordinare a un coniuge di produrre i testi dei messaggi whatsapp?
Separazione dei coniugi | (25/07/2019)
Salve, mi sto separando da mio marito. Lui sospetta che nell'ultimo periodo lo tradissi, anche fosse così non ne ha le prove concrete. Volendo potrebbe richiedere di recuperare le mie chat whatsapp per poterle usare a suo favore?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Fabrizio Tronca
Avvocato Fabrizio Tronca
Risposta del 25/07/2019

I messaggi di testo (sms o whatsapp) possono essere oggetto di prova processuale, tesi anche a documentare l'intervenuto tradimento.

Recente giurisprudenza afferma come addirittura non sia una condotta illecita quella del coniuge che, per verificare la fedeltà coniugale del congiunto, prenda visione diretta dei messaggi sul cellulare dello stesso, lasciato incustodito per casa.

*****

L'efficacia probatoria dei messaggi whatsapp è però condizionata alla produzione del testo unitamente alla prova effettiva che provenga da un device (smartphone, tablet, pc): in concreto, il testo deve essere "screenshottato" e non meramente trascritto in atti (su word o su un foglio).

La Cassazione penale ha infatti affermato che "la sua utilizzabilità (del messaggio whatsapp, nds),è, tuttavia, condizionata all'acquisizione del supporto telematico o figurativo contenente la relativa registrazione, al fine di verificare l'affidabilità, la provenienza e l'attendibilità del contenuto di dette conversazioni". - Cass. pen. Sez. V Sent., 19/06/2017, n. 49016 (rv. 271856) - 

L'assenza concreta dello smartphone (o di qualsivoglia device contenga il messaggio) e/o quindi di uno screenshot, comporta che una parte non possa richiedere al Giudice un ordine di produzione dei messaggi.

In tal senso spiega la sentenza del Tribunale di Milano, sez. lavoro del 24 ottobre 2017 "In assenza della produzione dei supporti informatici contenenti le conversazioni, onere processuale rafforzato dalla contestazione e dal formale disconoscimento delle stesse, non è possibile verificare giudizialmente la corrispondenza della documentazione prodotta rispetto agli effettivi contenuti a mezzo di consulenza tecnica, né supplire attraverso un ordine di produzione che, in considerazione delle preclusioni processuali, avrebbe natura esplorativa e surrogatoria di oneri processuali di parte inassolti".

*****

Riteniamo pertanto che o Suo marito è in possesso di screenshot o dello stesso strumento sul quale siano i messaggi, oppure una mera eventuale trascrizione dei messaggi o una richiesta di produzione degli stessi, sarebbero inefficaci/inammissibili.

*****

Consideri, in ogni caso, che se il tradimento è conseguenza e non causa della crisi matrimoniale, il suo avverarsi non può incidere sull'addebito per la separazione. 

Avvocato Fabrizio Tronca

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280