HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
accomandante e dissenso tra i soci
Diritto delle società | (16/09/2017)
domanda relativa ad una società sas costituita da due soci (SaS) Il mio socio è amministratore della nostra società e ovviamente io no; Gli ho fatto richiesta di separarci ,ma lui per non perdermi non vuole "assolutamente" andare dal notaio e prendersi le mie quote o cederle ad altri. C'è un modo per risolvere questo problema. la mia quota e del 49% Grazie mille
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Livia Achilli
Risposta del 16/09/2017
da quando ci descrive immaginiamo lei rivesta la qualità di socio accomandante. Le raccomandiamo pertanto di mantenere tale posizione evitando dunque di partecipare attivamente alla gestione della società. Questa circostanza infatti - una sua diretta partecipazione alle attività aziendali - la porterebbe, sotto il profilo legale, sullo stesso piano del socio accomandatario, che per legge riveste il ruolo di amministratore e, punto fondamentale considerata la situazione che ci descrive, socio illimitatamente responsabile per le obbligazioni societarie. Diversamente, il socio accomandante, risponde esclusivamente nei limiti della propria partecipazione, correndo quindi il rischio di perdere il solo capitale investito. Questa distinzione - e la raccomandazione esposta - ci sembra rilevante poiché la situazione di dissenso potrebbe degenerare in un conflitto tra soci potenzialmente problematico. Lei infatti, da quanto ci riferisce, detiene una partecipazione di minoranza, inidonea, salvo diverse indicazioni dello statuto, ad esprimere autonomamente decisioni rilevanti per la società e per i soci, quale ad esempio, per tornare alla sua situazione concreta, l'approvazione di una delibera di scioglimento della società. Il rischio quindi è che lei resti "prigioniero" di questa società laddove non riesca a trovare un terzo interessato all'acquisto della sua quota. Ogni ulteriore considerazione in merito alla presente vicenda richiederebbe l'esame dello statuto societario. Si tratta infatti dell'atto per legge preposto a disciplinare in dettaglio - anche in deroga alle previsioni normative - la vita della società ed i rapporti tra i soci.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280