HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Convivenza e abbandono della casa familiare
Unioni civili e Convivenza | (03/07/2017)
eccomi ad esporre un problema che vorrei risolvere con il vostro aiuto. Lo scorso anno a maggio il mio ex compagno un mese prima che partorissi se ne è andato .....dove abito ora con la bimba ( non riconosciuta).l affitto di casa è cointestato e veniva pagato a metà come le bollette che invece sono intestate a me. Mi ha lasciato le ultime bollette ( la sua metà,e solo gas erano 600 euro) da pagare compreso tutto L affitto che ogni mese pago io nonostante sia ancora cointestato. Gli è stato chiesto più volte di restituire anche chiavi di casa visto che abita da suo padre ma senza risultati . Sparito. Avevo provato anche a mandare una lettera di avvocato per richiedere le somme dovute ma non gliene importa. Posso ancora rivalermi sulle sue quote di affitto che passano ogni mese inosservate ?? Sarebbe 325 a testa./ mese. Grazie
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 03/07/2017
Nella previsione di una obbligazione solidale, quale è l’impegno assunto con il Suo ex compagno di pagare i canoni locatizi, il soggetto che paga l’intero, ha diritto a rivalersi sul coobbligato. Nel caso di specie pertanto può richiedere gli importi, sia pregressi, che quelli in corso che Lei abbia sostenuto integralmente. In difetto di riscontro da parte dell’ex compagno, potrà attivare la procedura di decreto ingiuntivo (o una causa ordinaria mediante citazione), fondando come titolo il contratto di locazione e le ricevute di pagamento. Quanto alle utenze, rimane obbligato verso l’ente erogatore dei servizi l'unico soggetto cui è intestato il contratto. Ci permettiamo di consigliarLe di regolamentare la vicenda nel suo complesso, e non sulla singola variabile (affitto), specialmente in ottica futura e nell’interesse della minore. Solo a titolo di informazione, Le illustriamo che alla madre la Legge concede gli strumenti per ottenere il riconoscimento del figlio da parte del dedotto padre. Tale provvedimento realizzerebbe un insieme di doveri, anche economici, per quest’ultimo, nei confronti ed a beneficio della prole.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280