HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Unione civile e pensione di reversibilità: va al compagno?
Unioni civili e Convivenza | (10/10/2017)
ho 71 anni e da circa 11 convivo con il mio compagno che ne ha 44. Vorremmo regolarizzare tale situazione attraverso l'istituto dell'unione civile, Una volta fatto questo ed in caso di morte del contraente più anziano titolare oggi di pensione INPS, al superstite spetta ed in quale misura la pensione di reversibilità?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 10/10/2017
L’istituto dell’Unione civile riconosce alle coppie dello stesso sesso i medesimi diritti ascritti alle coppie unite in matrimonio, seguendo la previsione normativa di quest’ultimo. Dal 5 giugno 2016, “ai fini del riconoscimento del diritto alle prestazioni pensionistiche e previdenziali (es. pensione ai superstiti, integrazione al trattamento minimo, maggiorazione sociale, successione iure proprio, successione legittima, etc.) e dell’applicazione delle disposizioni che le disciplinano, il componente dell’unione civile è equiparato al coniuge”. Infatti la recente Legge Cirinnà afferma come tutte le disposizioni di legge riferite al matrimonio (così come quelle contenenti le parole “coniuge”, «coniugi» o termini equivalenti, ovunque ricorrono nelle legg), si applicano anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso. Con l’unione civile si consegue quindi la titolarità dei diritti previdenziali e successori. La risposta al Suo quesito è pertanto positiva, posto che, in ipotesi di dipartita dell’unito civilmente, il superstite può inoltrare all’INPS domanda di pensione ai superstiti, rispetto alla quale sarà titolare sino alla eventuale, nuova conclusione di altra unione civile (o matrimonio). Quanto alle quote della pensione di reversibilità, saranno determinate nella misura del 60% della pensione del defunto; rispetto a tale criterio, è fatta salva l’applicazione delle riduzioni legate al possesso dei redditi personali (tabella F L. 335/95) e quindi al c.d. cumulo dei redditi.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280