HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Unioni civili e Convivenza | (30/08/2016)
In merito alla mia domanda precedente https://www.avvocatoaccanto.com/qa/unioni-civili-convivenza/unione-civile-extracomunitario-senza-permesso preciso che l'espulsione risale al 2014 perchè irregolare, ed il cittadino ha fatto di nuovo ingresso irregolarmente quest'anno. a questo punto il mio dubbio è, se il T.U. prevede l'arresto e il rimpatrio immediato, in questo caso, prevale questa legge oppure si considera principalmente il fatto che un cittadino italiano possa essere libero di sposarsi con chi vuole (da quello che ho capito, la legge Cirinna fa riferimento ai matrimoni, per cui un cittadino straniero seppur irregolare, una volta contratto matrimonio diviene insespellibile)
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Fabrizio Tronca
Avvocato Fabrizio Tronca
Risposta del 30/08/2016
precisiamo che la legge Cirinnà non fa riferimento ai matrimoni ma alle unioni civili e alle convivenze di fatto. La legge (Codice Civile e Dlgs 286/98) è chiara nel riconoscere la possibilità di contrarre matrimonio con cittadino straniero ma purché questo sia regolare con il permesso di soggiorno. E' anche vero, però, che la giurisprudenza della nostra Corte Costituzionale ha stabilito che è un divieto generalizzato a contrarre matrimonio con cittadino irregolare non è idoneo ad assicurare un ragionevole e proporzionato bilanciamento tra la libertà a contrarre matrimonio e l'interesse dello Stato a garantire il presidio e la tutela delle frontiere e il controllo dei flussi migratori mediante il contrasto ai matrimoni di comodo. Pertanto se da un lato previo nulla osta delle autorità dello stato di provenienza del cittadino straniero, si può ammettere il matrimonio, è anche vero, comunque che sposarsi non garantisce la regolarizzazione, in quanto ai sensi dell'art. 30 del dlgs 286/98 , se e' accertato che il matrimonio ha avuto luogo allo scopo esclusivo di permettere all'interessato di soggiornare nel territorio dello Stato, il permesso può essere revocato.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280