HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
HELP
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Q&A
Unioni civili e Convivenza | (11/03/2019)
Vorrei contrarre unione civile con la mia compagna. Siamo una coppia omosessuale. Io italiana e lei tunisina. Entrambe viviamo all’estero in uno dei paesi dell’unione europea. La mia compagna ha già un permesso di soggiorno qui. Vorrei sapere se è possibile per noi unirci civilmente in italia visto che sono italiana? (Visto che ho ancora la residenza in italia). Se sì, dopo aver fatto l’unione, la mia compagna può ottenere il permesso di soggiorno in italia?
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Fabrizio Tronca
Avvocato Fabrizio Tronca
Risposta del 11/03/2019

Per la fattispecie che ci illustra è possibile che concluda una unione civile con la Sua compagna sul territorio italiano.

La cittadinanza italiana di una componente la coppia, così come la residenza, legittima la richiesta.

La Legge Cirinnà che prevede e disciplina le unioni civili prevede peraltro che la coppia possa scegliere, senza vincoli, il Comune italiano presso il quale celebrare l'unione. 

****

Rileva la cittadinanza straniera della Sua compagna, posto che anche il cittadino non italiano deve dimostrare lo stato di "libero vincoli" (quello status che una volta si definiva celibato/nubilato), ovvero di non avere altri legami matrimoniali/di convivenza/di unione civile.

In particolare il cittadino straniero deve allegare alla domanda di unione civile il nulla osta rilasciato dal Paese di orgigine, che dichiari espressamente che non sussista alcun impedimento di legge a contrarre l'unione civile.

Se il Paese di origine, per motivi discriminatori, non concedesse il nulla osta, il richiedente straniero potrà sostituirlo con una autocertificazione, che sarà valutata dall'Autorità competente italiana. 

****

L'unione civile consente al cittadino straniero che si sia unito con il cittadino italiano di richiedere ed ottenere il permesso di soggiorno a tempo indeterminato per motivi familiari.

Posto che la disciplina dell'unione civile è la medesima che regola il matrimonio, l'unito straniero decorsi i termini di legge potrà anche richiedere oltre al permesso di soggiorno (immediato) anche la cittadinanza italiana.

Avvocato Fabrizio Tronca

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280