HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI

Crisi della Startup Innovativa - riduzione del capitale per perdite

Area legale: Startup innovativa
Avvocato Accanto

La riduzione del capitale per perdite

 

In virtù della peculiare natura e rischiosità dell’attività esercitata, la normativa ha previsto una moratoria di un anno per il ripianamento delle perdite del capitale sociale: il termine è posticipato al secondo esercizio successivo, così da consentire alla impresa startup innovativa di completare l’avvio e di rientrare fisiologicamente dalle perdite maturate nelle primissime fasi.

 

Nello specifico:

 

  1. Perdite minori di 1/3

Qualora le perdite non siano tali da ridurre il capitale al di sotto del minimo legale, viene disposto un allungamento dei tempi, posticipando la convocazione dell’assemblea per la conseguente riduzione del capitale (in caso non vengano ripianate) al secondo esercizio successivo.

 

  1. Perdite maggiori di 1/3

Qualora, invece, le perdite comportino una riduzione del capitale al di sotto del minimo legale, l’assemblea, in alternativa all’immediata riduzione del capitale e al contemporaneo aumento dello stesso a una cifra non inferiore al minimo legale, può deliberare il rinvio della decisione alla chiusura dell’esercizio successivo. Fino alla chiusura dell’esercizio non opera la causa di scioglimento della società per riduzione o perdita del capitale sociale.

 

Qualora il capitale sociale non risulti reintegrato al di sopra del minimo legale entro l’esercizio successivo, l’assemblea che approva il bilancio di tale esercizio è tenuta a deliberare secondo la disciplina ordinaria.

 

Lo scopo della norma è quella di riportare per l'arco temporale di due anni le eventuali perdite realizzate all'inizio dell'attività, periodo della vita aziendale spesso non molto redditizio, al fine di rendere meno complicata la gestione dei primi anni di impresa. Si crea così una sorta di stato temporaneo di grazia.

 

Tale disposizione da una parte riduce la tutela dei creditori che potranno trovarsi a dover interagire con una società scarsamente patrimonializzata in relazione alle sue esigenze gestionali, ma dall’altra consente ai soci di avere a disposizione più tempo per reperire le risorse finanziarie e per riassorbire, almeno parzialmente, la perdita mediante la gestione ordinaria.

 

Infatti, la scelta di una simile deroga è dettata dall’incentivazione al rischio di impresa, rischio che poi si potrà tradurre in vantaggio per tutti.

Tale scelta di annullamento della garanzia del capitale sociale viene bilanciata dal divieto di distribuire utili, permettendo così un progressivo incremento del patrimonio sociale laddove vi siano guadagni.

 

(il presente contenuto costituisce esclusivamente un’informativa di massima, che non ha pretese di esaustività, e che in ogni caso non sostituisce l’intervento e la consulenza di un avvocato)

Articoli collegati

Storia e normativa della Startup innovativa
Leggi >
Costituire una Startup innovativa
Leggi >
Requisiti societari della Startup innovativa
Leggi >

Come funziona

Scegli quello che ti serve

Scegli il servizio legale che ti serve selezionando l'icona corrispondente e segui le istruzioni per confermare l'invio della richiesta

Ricevi quello che hai chiesto

Ricevi il servizio legale che hai richiesto da parte di un nostro avvocato

Effettua il pagamento

Solo dopo aver ricevuto il servizio legale che hai chiesto effettua il pagamento

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280