HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
L’amministratore non esegue le delibere assembleari. Quali conseguenze?
Condominio | (02/12/2018)
Salve l'amministratore del nostro condominio non ha provveduto anche dopo varie richieste sia verbali che scritte (nei verbali assemblea) a risolvere problemi di infiltrazioni d' acqua nel rivestimento in sassi del muro perimetrale del condominio, alcuni giorni fa un bel pezzo (25/30 metri) del rivestimento si e' staccato ed e' crollato causando danni ai cortili interni. Le chiedo se possiamo pretendere dall'amministratore un risarcimento x i danni provocati dalle sue mancanze (si parla di lavori x circa 50.000 euro). Inoltre questo suo comportamento puo' essere una giusta causa x la revoca del mandato? Grazie e distinti saluti
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 02/12/2018

Tra gli obblighi che ha l'amministratore nella sua attività di gestione del condominio vi sono, tra gli altri, quello di compiere atti conservativi sulle parti comuni dell'edificio (art. 1130 Codice Civile, comma 1 n. 4) e, soprattutto, quello di eseguire le deliberazioni dell'assemblea (art. 1130 Codice Civile, comma 1 n. 1).

Di conseguenza, se vi è stata una delibera con la quale l'assemblea ha dato incarico di attivarsi affinchè venissero posti in essere interventi sul muro perimetrale, l'amministratore era tenuto ad eseguirla in termini congrui rispetto alla natura del problema.

L'eventuale omissione rappresenterebbe una grave irregolarità, causa di revoca giudiziale, come previsto dall'art. 1129 comma 12 punto 2 Codice Civile.

Per completezza, peraltro, anche nel caso in cui non fosse intervenuta una formale delibera di intervento l'amministratore, a seguito delle numerose segnalazioni, avrebbe comunque dovuto attivarsi in quanto tenuto a compiere atti conservativi sulle parti comuni.

La mala gestio, qualora abbia provocato danni al condominio, può essere contestata all'amministratore unitamente alla richiesta di risarcimento dei danni che siano diretta causa del comportamento omissivo dell'amministratore.

 

Avvocato Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280