HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
Condominio e innovazioni come si delibera?
Condominio | (12/04/2018)

Buongiorno, in un condominio inizialmente privo di verande, diversi condomini hanno deliberato l'incarico ad un tecnico per la realizzazione di un "progetto tipo" (comune a tutto il condominio per il rispetto del decoro architettonico) per la realizzazione della veranda sul loro balcone privato; il costo del progetto è stato però addebitato a tutti i condomini e quindi anche ai condomini che non intendono installare la veranda e sono contrari. Essendo la veranda un bene esclusivo installato sulla proprietà privata, i condomini che non intendono costruire la veranda e quindi trarre vantaggio da tale progetto sono esonerati dal contributo alla spesa progettuale decisa da altri condomini nel loro interesse personale?(qualora i condomini contrari decidessero in un secondo tempo di costruire la veranda, in tal caso parteciperebbero alla spesa del progetto e si atterrebbero allo stesso). Grazie mille per l'attenzione

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Risposta del 12/04/2018

Per rispondere al Suo quesito è opportuno esaminare il disposto dell'art. 1123 c.c., che disciplina il riparto delle spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune (tra cui rientra sicuramente la redazione del “progetto tipo" per la realizzazione delle verande, comune a tutto il condominio per il rispetto del decoro architettonico) e per le innovazioni deliberate a maggioranza.

La norma in esame prevede che le suddette spese devono essere ripartite tra tutti i condomini in misura proporzionale al valore delle rispettive proprietà.

Il secondo comma dell’art. 1123 precisa invece che, se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartire in proporzione dell’uso che ciascuno può farne.

In considerazione del fatto che l’assemblea condominiale ha deliberato a maggioranza di affidare l'incarico ad un tecnico per la realizzazione di un "progetto tipo” per la eventuale costruzione di verande sui balconi privati e che tale progetto è comune a tutto il condominio per il rispetto del decoro architettonico (si tratta dunque di un servizio di interesse comune), riteniamo che, a norma dell’art. 1123 primo comma c.c., il costo del progetto debba essere ripartito tra tutti i condomini in misura proporzionale al valore delle rispettive proprietà.

Peraltro sarebbe impensabile e di difficile applicazione pratica l’ipotesi in cui se un condomino al momento non intenzionato ad installare una veranda sul proprio balcone decidesse di procedere all’installazione – poniamo il caso - nell’anno 2023, gli venisse addebitato il costo di un progetto saldato nel 2018 ed inserito nel bilancio consuntivo del condominio di tale annualità ben cinque anni dopo.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280