HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
come si può modificare la destinazione di utilizzo di una cosa comune in condominio?
Condominio | (14/11/2019)

In un condominio di 6 unità abitative (attualmente con parcheggio nel cortile condominiale), senza la presenza di un regolamento di condominio, e le tabelle millesimali da approvare, per vietare il parcheggio in cortile serve l'unanimità o basta una determinata maggioranza eventualmente di che tipo; la riunione convocata per il ...  2019 deve decidere questo divieto. Ringrazio molto e saluto

Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
avvocato Egidio  Rossi
Avvocato Egidio Rossi
Risposta del 14/11/2019

Occorre premettere che, in assenza di disposizioni sulla cosa comune indicate e disciplinate nel regolamento condominiale, vale quanto previsto dall'art. 1102 del Codice Civile, secondo il quale ciascun partecipante può servirsi della cosa comune purchè non ne alteri la destinazione e non ne impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso.

Qualora il condominio intenda, come nel caso prospettato, modificare la destinazione d'uso del cortile, quindi vietarne l'utilizzo per il parcheggio e disciplinarne l'uso per altre attività (transito pedoni, carico / scarico merci, attività ludiche ecc.), dovrebbe farlo osservando quanto previsto dall'art. 1117 ter del Codice Civile, ovvero convocare una apposita assemblea nei termini di legge (la convocazione dell’assemblea deve essere affissa per non meno di trenta giorni consecutivi nei locali di maggior uso comune o negli spazi a tal fine destinati e deve effettuarsi mediante lettera raccomandata o equipollenti mezzi telematici, in modo da pervenire almeno venti giorni prima della data di convocazione.

La convocazione dell’assemblea, a pena di nullità, deve indicare le parti comuni oggetto della modificazione e la nuova destinazione d’uso. La deliberazione deve contenere la dichiarazione espressa che sono stati effettuati gli adempimenti di cui ai precedenti commi).

L'assemblea, convocata nei termini di cui sopra, dovrà deliberare con la maggioranza di 4/5 dei partecipanti che rappresenti i 4/5 del valore dell'edificio.

 

Avvocasto Egidio Rossi

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280