HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
RECENSIONI
I NOSTRI PROFESSIONISTI
IL MIO VICINO DI CASA MI MOLESTA E MI INSULTA. POSSO SPORGERE QUERELA?
Diritto Penale | (29/01/2021)
Salve, Vorrei porgere una questione e capire se ci sono gli estremi per una querela. Mi spiego, sono ormai diversi anni che va avanti questa questione, la signora sotto il mio appartamento ha atteggiamenti intimidatori, in quanto secondo lei la mia famiglia fa troppo casino. Gli atteggiamenti intimidatori di cui parlo vanno dal: bucare i miei panni stesi, gettare acqua con il tubo dentro la mia finestra, bussare pesantemente il soffitto alle prime ore del mattino e non, e infine l’atteggiamento che mi preoccupa di più è quello che fà appostandosi vicino alla sua porta ed rivolgere ai miei famigliari quando scendono le scale frasi del tipo "vediamo se adesso ve ne andate da questa casa" e avvolte anche insulti.
Segui l'avvocato e ricevi aggiornamenti quando pubblica nuovi contenuti legali
Grazie per aver iniziato a seguire questo avvocato
Sei già registrato! La tua e.mail risulta già esistente
Si prega di contattare l'amministratore
Avvocato Serena Mineo
Risposta del 29/01/2021

In base a quanto da Lei descritto sembrerebbe che sussistano gli estremi della querela, ma il Suo quesito pone una questione molto delicata e, quindi, sarebbe opportuno un esame più approfondito. 

Negli ultimi anni, la giurisprudenza ha ammesso la possibilità di un reato di stalking condominiale. Il reato di stalking è disciplinato dall'art. 612 c.p. ed è, generalmente, riferito ai rapporti rientranti nella sfera affettiva (ad esempio, i rapporti tra ex fidanzati, o tra ex coniugi). 

Tuttavia, di recente è stato ammesso il reato di stalking condominiale, per quelle condotte realizzate nel contesto condominale, ossia da uno o più condomini, in danno di altri condomini. 

Si deve trattare di condotte che siano tali da suscitare un fondato timore per l'incolumità propria o dei propri cari, tanto da costringere la vittima di queste condotte a modificare le proprie abitudini di vita, ad esempio cambiando gli orari in cui esce di casa per non incontrare il molestatore; oppure, chiudendo le finestre per non essere spiato. 

Le condotte intimidatorie possono protrarsi per diversi anni, oppure concentrarsi in un arco temporale ristretto, possono consistere in danneggiamenti, in minacce, in rumori continui che turbino il normale svolgimento della vita quotidiana. 

La descrizione delle condotte da Lei fatta (bucare i panni stesi, gettare acqua dentro l'appartamento, bussare pesantemente il soffitto, attendere l'arrivo dei suoi familiari per rivolgergli frasi intimidatorie o insulti) e la circostanza che le condotte si protraggono da diversi anni possono far pensare ad una condotta di stalking. Tuttavia, sarebbe opportuno un esame più approfondito della Sua situazione, anche al fine di valutare l'opportunità di un'azione civile o di un'azione penale, per tutelare i suoi interessi.

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Crocefisso 6 Milano 20122
tel. 02 3664 4280