HOME
AREE LEGALI
SERVIZI
DOMANDE E RISPOSTE
SOCI coop
LOGIN
REGISTRATI
FEEDBACK
HELP
COLLABORA
CONVENZIONI
Q&A
Diritto Penale | (17/06/2019)
Salve, ho riportato una condanna penale risolta con patteggiamento e beneficio della non menzione. Sono consapevole che essa va comunque dichiarata nel caso di autocertificazioni rivolte alla Pubblica Amministrazione. Mi chiedevo, invece, cosa fare nel caso di un'azienda privata. Il casellario "ad uso privati" risulta pulito. Posso in questo caso autocertificare di non avere precedenti penali? Si incorrerebbe nel reato di falso anche con i privati? Grazie
avvocato Nadia Mungari
Avvocato Nadia Mungari
Risposta del 17/06/2019

In realtà nei rapporti tra privati non dovrebbe trovare applicazione la disciplina sull'autocertificazione e, quindi, l'azienda privata, nella maggior parte dei casi, Le chiederà di portare il certificato del casellario giudiziale.

Può essere che venga chiesto di autodichiarare la sussistenza di eventuali precedenti. Tuttavia, qualora Lei dichiarasse il falso non commetterebbe i reati di falso, che attengono alla formazione di un atto pubblico (che un'autocertificazione ad un privato non è) ma, tuttalpiù, una truffa.

Diciamo però che l'eventuale mancanza di precedenti nel certificato del casellario giudiziale per i privati renderebbe la contestabilità della truffa molto difficile, perchè tale documento indica che, rispetto ai rapporti con i privati, Lei è ormai "pulito". Una Sua eventuale autocertificazione in questo senso non sarebbe del tutto incoerente e, quindi, sarebbe difficile contestarLe di avere ingannato o tentato di ingannare la predetta azienda privata.

Avvocato Nadia Mungari

DOVE CI TROVI

se vuoi incontrarci di persona


Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in via Arona 15 a Milano, presso il punto di consulenza Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.


Avvocato Accanto, Via Arona 15 Milano 20149
tel. 02 3664 4280